Internazionale

Borsellino, 25 anni fa

Borsellino, 25 anni fa

"Ricordiamo Borsellino e gli agenti della scorta ogni giorno - ha detto la coordinatrice di Libera, che ha ricordato Borsellino e uno per uno gli agenti uccisi in via D'Amelio - sappiamo quanto è cruciale la credibilità dello Stato, dove è debole l'azione della mafia è forte".

Sono passati 25 anni dal 19 luglio 1992, quando una Fiat 126 rubata con cento chili di tritolo saltò in aria in via D'Amelio a Palermo, all'altezza del civico 21, uccidendo Paolo Borsellino e cinque agenti della sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

Agenpress - "In quella agenda sono sicuro che Paolo avrà parlato della trattativa tra pezzi dello Stato deviati e la mafia".

Ad avere maggiore eco è stato però l'appello di Mattarella affinché si giunga finalmente a una verità giudiziaria e a una condanna definitiva ai responsabili della strage: "La sua tragica morte, insieme a coloro che lo scortavano con affetto, deve ancora avere una definitiva parola di giustizia".

Chelsea, arriva Morata: 80 milioni di euro
L'attaccante spagnolo arrivò infatti a Torino nell'estate del 2014, quando il tecnico pugliese "salutò" i bianconeri. Una vera e propria doccia gelata per il Milan , che da settimane aveva messo Morata in cima alla lista dei desideri.

L'Aula del Senato ha osservato un minuto di silenzio in memoria della strage.

Falcone, l'intera documentazione è stata raccolta e pubblicata in un volume dal titolo "L'antimafia di Paolo Borsellino". "Mio padre fu lasciato solo, in vita e dopo", accusa Fiammetta che critica "i magistrati in servizio al momento della strage di Capaci" perché non hanno "mai sentito mio padre nonostante" l'avesse chiesto.

Dopo la votazione della delibera della VI Commissione seguiranno le testimonianze del Procuratore nazionale Antimafia e Antiterrorismo Franco Roberti e della sorella di Paolo Borsellino, Lucia Borsellino. Critiche anche alla procura di Caltanissetta definita "massonica". "Lo chiedo oggi, nell'anniversario di quella terribile giornata che registrò l'assassinio del Giudice ad opere di bestie criminali e che sconvolse l'intera Nazione, affinchè nel luogo simbolo della politica rimanga per sempre scolpito il nome Borsellino".

Oggi il capoluogo siciliano ricorda la strage con la tradizionale fiaccolata che si svolgerà alle 20.30: un corteo silenzioso e e senza comizi.