Finanza

Supplenti temporanei mandano in tilt sito del Miur: è caos domande

Supplenti temporanei mandano in tilt sito del Miur: è caos domande

Il 25 luglio, infatti, è il termine ultimo per la presentazione online delle domande di supplenza, ma il server del MIUR non ha retto alle centocinquanta domande al minuto che gli aspiranti insegnanti tentavano di inserire.

Io come tanti colleghi non riusciamo ad inoltrare il modello B inerente alla scelta delle scuole per il prossimo triennio (seconda fascia).

"Il sistema è completamente bloccato senza che alcuno al Ministero sappia spiegarne le cause. - si sottolinea - Riteniamo molto grave quanto sta accadendo e stiamo studiando le possibili azioni di rivalsa".

I sindacati non nascondono la preoccupazione. "Gli interventi non sono più occasionali o legati all'emergenza, ma pensati in un'ottica di programmazione e continuità". Chiediamo dunque al Miur che vengano prorogati i termini al 31 luglio e che sia data la possibilità di presentare il modello B in forma cartacea. Stiamo parlando di ottomila domande all'ora e il sistema non regge. "Il nostro obiettivo è fare aprire tutte le scuole italiane in tempo", ha rassicurato la ministra Valeria Fedeli spiegando che è stata introdotta una modifica al sistema di inserimento in modo che il flusso di domande sia più fluido. "Abbiano di fronte due dati: uno è il bisogno di lavoro e il fatto che ad ogni occasione di lavoro si presentino numeri impressionanti".

Spagna, terremoto in Federcalcio: arrestato il Presidente Villar
Una inchiesta per corruzione sta causando un vero e proprio terremoto nei vertici del calcio spagnolo. Le accuse contestate sono collusione, frode e appropriazione indebita .

A proposito degli enormi disagi che stanno incontrando i docenti, registriamo la dura presa di posizione della Gilda degli Insegnanti. Il Ministero non ha dato buona prova di sé già nella fase delle assegnazioni e dell'invenzione degli algoritmi che hanno creato grandi problemi. Per quelli supplenti, poi, alla precarietà si aggiungono in queste ore le forche caudine dell'inadeguatezza della piattaforma informatica del Ministero per l'Istruzione.

Il malfunzionamento rischia di pregiudicare l'inizio dell'anno scolastico, continua Sinopoli: "Sono danneggiati tutti".

"È tutto inadeguato - conclude il sindacalista -, dal sistema informativo alle scadenze insostenibili". "Al #Miur sono impazziti, stanno facendo di tutto per bloccare i concorsi, sono da denuncia - commenta un utente su Twitter - Kafka è un dilettante".