Internazionale

Colosseo, Franceschini: 2 agosto incontro Raggi. Più collaborazione

Colosseo, Franceschini: 2 agosto incontro Raggi. Più collaborazione

A dirlo, il ministro dei Beni e delle Attivitù culturali e del Turismo, Dario Franceschini, che oggi ha indetto una conferenza stampa al Collegio romano dopo la sentenza del Consiglio di Stato che ha accolto l'appello presentato dal Mibact contro la sentenza del Tar che lo scorso 7 giugno aveva bloccato l'istituzione del Parco archeologico del Colosseo. La riforma ha seguito un percorso molto preciso, con la creazione dei poli museali, dei musei autonomi e della Direzione generale Musei.

"Vorrei - ha sottolineato Franceschini - che il tema fosse tenuto lontano dal fisiologico confronto democratico tra partiti", ma "ho rilevato un certo stupore sul fatto che tutti i Comuni, indipendentemente dal colore delle amministrazioni, hanno fornito sostegno alla riforma, e anche il lavoro dei nuovi direttori ha avuto sempre un forte sostegno, mentre il Comune di Roma ha deciso di far ricorso". Il Comune di Roma ha scelto invece di ricorrere.

"La sentenza del Consiglio di Stato chiarisce in modo molto netto e inequivocabile tutti i punti".

Milan, Bonucci suona la carica: 'Lottiamo insieme per vincere'
Loro sono nella leggenda, Io arrivo oggi, per iniziare a scrivere una nuova pagina della storia rossonera e della mia carriera. A Torino sono diventato importante, ma ora penso al Milan .

C'è il via libera per il parco archeologico del Colosseo.

"Con il sindaco Marino firmammo un accordo di valorizzazione che spinge il Comune e il ministero a trovare forme di collaborazione e integrazione biglietteria, in modo da offrire ai visitatori un servizio unico, integrato - ha aggiunto Franceschini -".

Poi apre al dialogo al Comune grillino: "Noi siamo pronti, il 2 agosto, su richiesta del Campidoglio, abbiamo già fissato un incontro dove io andrò aperto all'individuazione di forme di collaborazione sull'area archeologica centrale". Come ribadito dal Consiglio di Stato, quell'accordo resta valido: cambia solo uno dei due interlocutori, che non sarà più il Soprintendente Speciale ma il Direttore del parco archeologico. Per quanto riguarda le quote della suddivisione degli incassi del Colosseo utilizzate per la tutela del patrimonio archeologico statale presente nel territorio del Comune di Roma - ha concluso il Ministro - voglio nuovamente fugare ogni equivoco: "il provvedimento istitutivo del parco archeologico ne prevede una suddivisione che destina l'80% delle risorse alla salvaguardia dei beni archeologici statali della Capitale ".