Internazionale

Traffico di esseri umani, fermata la nave anti migranti Defend Europe

Traffico di esseri umani, fermata la nave anti migranti Defend Europe

Il viaggio della nave C -Star, noleggiata dal gruppo politico Generazione Identitaria dal Gibuti, ha subito una brusca battuta d'arresto: l'imbarcazione ha attraccato presso il porto di Cipro, dove l'equipaggio è stato fermato per controlli a bordo. La nave era stata presa in affitto da Generazione Identitaria a seguito di una raccolta fondi, e avrebbe dovuto essere impiegata per bloccare le barche delle ong che aiutano i migranti nel mar Mediterraneo (la cosiddetta operazione "Defend Europe": la storia è spiegata per esteso qui). Alcune di esse hanno dichiarato di aver pagato migliaia di dollari per compiere quel passaggio verso l'Europa. "Hanno approfittato del fatto che la nave passasse a Cipro per lasciare la barca definitivamente e tornare a casa". Famiglia Cristiana, che per prima aveva ricostruito la provenienza della nave C-Star, ha scritto invece che sarebbe stata arrestata solo una persona, il capitano della nave, "con l'accusa di non avere i documenti in regola". E' giunta così a Famagosta, nella Repubblica Turca di Cipro del Nord, per fare rifornimento di carburante e cambiare parte dell'equipaggio. Si tratta di 20 cingalesi che, secondo un comunicato di "Defend Europe", non erano altro che "apprendisti marinai" in navigazione "per ottenere il diploma": peccato che 5 di loro, un volta scesi a Cipro, abbiano denunciato il capitano accusandolo di aver chiesto loro denaro per salire sulla nave. A sostenerlo Defend Europe, organizzazione di destra promotrice della missione. Sempre il Guardian riporta le parole di un attivista per i diritti umani, Faika Pasa, secondo il quale 9 membri dell'equipaggio della C-Star, compresi comandante e vice, sarebbero stati arrestati. "Da quanto riferito dall'aeroporto, gli apprendisti stavano per tornare nel proprio Paese d'origine quando delle Ong gli hanno offerto di restare in Europa e di richiedere asilo a Cipro facendo loro promesse e donandogli soldi".

Calciomercato Torino: c'è una svolta che riguarda Belotti
Una proposta che con ogni probabilità Cairo e Petrachi rispediranno nuovamente al mittente. Andrea Belotti e il Torino , una storia che adesso può realmente continuare.

Lì i cingalesi sono stati individuati dalle autorità locali ed hanno affermato di aver pagato 10mila euro a testa per arrivare Catania, ma vistisi fermati a Famagosta in 15 hanno scelto di rientrare in Sry Lanka ed in 5 hanno fatto richiesta di asilo politico.