Internazionale

Bomba esplosa a Capodanno a Firenze: in manette otto anarchici

Bomba esplosa a Capodanno a Firenze: in manette otto anarchici

Potrebbero essere arrivate a una svolta le indagini sull'attentato dinamitardo di Capodanno a Firenze durante il quale un agente della Polizia di Stato, l'artificiere Mario Vece, rimase gravemente ferito, perdendo una mano e un occhio.

L'operazione, motivata dall'urgenza di prevenire il pericolo di fuga degli indagati, scaturisce dalle indagini avviate dalla Polizia di Stato tramite la Digos di Firenze e il servizio centrale antiterrorismo a seguito del gravissimo attentato compiuto in Firenze, nella notte di Capodanno.

Tre fermi sono avvenuti nella stessa Firenze, altri due a Roma e in provincia di Lecce.

Milan, André Silva titolare giovedì. Musacchio: "Bonucci tra i top"
Rodriguez; Kessié , Montolivo , Bonaventura; Niang , Andrè Silva , Calhanoglu . Donnarumma; Abate , Musacchio , Zapata , R.

Ancora non si conoscono i dettagli dell'intervento, questi verranno illustrati questa mattina in una conferenza stampa convocata presso la Questura di Viale Otranto. Alcune persone sono salite sul tetto dell'edificio per tentare di sfuggire all'arresto.

È stato un frammento di Dna lasciato sul nastro adesivo con cui era stata costruita la bomba ad incastrare uno degli anarchici arrestati. Si tratterebbe della persona che che ha materialmente costruito l'ordigno. Cinque degli anarchici destinatari delle misure sono i presunti autori del grave attentato del 1 gennaio scorso, mentre altri 3 sono stati fermati per l'attentato del 21 aprile scorso contro una caserma dei carabinieri a Rovezzano, colpita dal lancio di una molotov. L'accusa è di tentato omicidio. La bomba esplose all'alba del primo gennaio, intorno alle 5.30. L'intera operazione coinvolge per la cattura dei fermati, le conseguenti perquisizioni e lo sgombero della Riottosa oltre 200 uomini tra agenti e carabinieri.

Tra loro, anche un 30enne di Martinsicuro, Pierloreto Fallanca, arrestato dall'Antiterrorismo nel Salento, a Roca Vecchia, nei pressi di un centro sociale dove aveva trovato ospitalità da qualche giorno. Tutti sono guardati a vista dalle forze dell'ordine che hanno circondato l'area.