Internazionale

Scuola, il Consiglio dei Ministri sblocca oltre 58mila assunzioni

Scuola, il Consiglio dei Ministri sblocca oltre 58mila assunzioni

Nello specifico, i tre decreti (Dpr), su proposta dei ministeri della P.A e del Mef, hanno sbloccato le assunzioni di quasi 52 mila unità di personale docente su posti vacanti e disponibili, di cui 38.380 su posti comuni e 13.393 su posti di sostegno, a cui si aggiungono 56 unità di personale educativo, oltre 6 mila addetti per il personale Ata, sempre a tempo indeterminato su posti effettivamente vacanti e disponibili, e infine di 259 dirigenti scolastici per l'anno scolastico in partenza. Si è trovato l'accordo anche per far entrare, sempre a tempo indeterminato, 6.260 unità di personale Ata.

Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera definitivo alle nuove assunzioni per l'anno scolastico 2017/8.

Il conto sui nuovi prof assunti arriva a 52mila unità: ai 15mila posti "trasformati" bisogna aggiungere 21mila posti rimasti liberi in seguito ai pensionamenti e i posti già vacanti che erano circa 16mila. I decreti, tre in tutto, che autorizzano il Miur a procedere, sono stati confermati con un tweet dalla ministra della Pubblica amministrazione Marianna Madia.

Incendio a Roma, trovati due cadaveri vicino a Tivoli
Coldiretti fa sapere che le perdite per le campagne salgono oltre 2 miliardi di euro a causa di siccità e incendi . Sono madre e figlia le vittime dell'incendio divampato nel pomeriggio vicino Tivoli , alle porte della Capitale.

Il dirigente scolastico appresa la disponibilità dei nuovi posti, chiama, nell'ambito, "il neo immesso preferito" e lo fa "suo" nella scuola, almeno per tre anni, poi si vedrà. L'avviso sarà pubblicato a fine mese sul sito del Ministero dell'Istruzione.

Il Ministro Madia ha spiegato che come la Pubblica Amministrazione sia orientata ad assunzioni selettive, in grado cioè di rispondere alle esigenze del turnover e del funzionamento dei servizi.

Boschi, firmato protocollo per prevenire droghe-alcol - "Oggi con Valeria Fedeli abbiamo firmato il Protocollo d'Intesa tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Miur per politiche di prevenzione dell'uso di droghe e alcol in età scolare: 3 milioni di euro in 3 anni per la realizzazione di piani, programmi educativi e campagne di informazione rivolti a studenti, insegnanti e genitori".