Cultura

Redford e Fonda a Venezia 74: incanto d'amore al Lido

Redford e Fonda a Venezia 74: incanto d'amore al Lido

Redford interpreta Louis Waters mentre Jane Fonda è Addie Moore, due vicini di casa che decidono di passare del tempo insieme, spinti dalla loro condizione solitaria. Posso solo pensare che c'è speranza per il futuro, dove potremmo andare senza speranza? È anche però la celebrazione di due autentici fuoriclasse che, nonostante gli anni, riescono ancora a trasmettere al meglio tutta la complicità e l'empatia che li hanno resi una delle coppie di attori più amate del mondo. Niente di nuovo sotto il sole, anzi, ma sicuramente il buon cinema medio che rischia di scomparire sotto l'assalto di supereroi e serialità televisiva. Ma poi ho pensato che il Sundance ha cambiato il cinema americano in un modo profondo e ammiro Robert non solo come attore e regista, ma anche per questa sua iniziativa. "Volevo innamorami di nuovo di lui", ha confessato lei facendo ridere la platea. La comunità in cui vivono, la cittadina di Holt in Colorado, non accetterà quella relazione, così come non la accetterà il figlio di lei (è interpretato da Matthias Schoenaerts), a differenza del nipotino che li tirerà su di morale, anche se a volte, scegliere tra la propria libertà e il rimpianto, non è affatto facile.

Come mai ha affidato questo film ad un regista così giovane?

Robert Redford: "Io non voglio parlare della politica non siamo qui per questo". La stessa, splendida coppia di "A piedi nudi nel parco", uscito nel 1967. Secondo me per salvare il pianeta ci vogliono tanti cambiamenti specie nel nostro paese, dobbiamo fare qualunque cosa in nostro potere per evitare disastri climatici. Quasi non avevamo bisogno di prepararci, avevamo un rapporto che non necessitava spiegazioni. È stato tutto perfetto, c'è stata connessione e contatto nel lavoro.

Sgomberi, Minniti: "case dei mafiosi ai profughi"
Su questo punto si è espresso anche Antonio Giannelli, presidente del Sinpref, associazione sindacale dei funzionari prefettizi. Ipotesi che appare però - spiegano fonti del Viminale - non praticabile anche da un punti di vista giuridico.

Robert Redford: No, non cambia ma aumenta. Il sesso non c'è in questo film, ma è meraviglioso desiderare ancora una vita sessuale. Nessuno dei due figli dei protagonisti sembra troppo propenso ad accettare questa filosofia, come se inevitabilmente le giovani generazioni dovessero "praticare l'errore", coltivare lo sbaglio, per poi dolersene in età matura. Redford va anche oltre: "Non ci sono film per un pubblico anziano".

Ho usato l'aggettivo "cinematografico", ma soltanto a noi qui al Lido è stato concesso di osservare i solchi scolpiti sul volto di Redford e la chioma ancora fluente della Fonda sul maestoso schermo della Sala Grande. Forse non te lo avevo mai detto ma per questo volevo stare con lui. Un cane prelevato dal canile, un trenino da montare, una partita di softball tra ragazzine, uno scambio di confidenze sul cuscino: il film si nutre di questi minuscoli frammenti narrativi, che avvicinano gradualmente i personaggi e colmano il vuoto lasciato nelle loro vite dai rispettivi partner (o, nel caso di Jaime, dai genitori). Mi dissi subito che sarebbe diventato un grande divo, si sentiva nell'aria, le donne lo adoravano. Improvvisamente ti rendi conto che devi stare attento quando ti muovi e per me questa cosa è difficile da gestire.