Internazionale

Nuova frana in Svizzera a causa dei temporali: bloccati migliaia di frontalieri

Nuova frana in Svizzera a causa dei temporali: bloccati migliaia di frontalieri

I lavori di sgombero dovrebbero proseguire per qualche giorno.Dopo la paura si sta riprendendo fiato a Bondo dove i temuti ulteriori scoscendimenti non si sono verificati nella notte tra venerdì e sabato.

Una imponente frana ha travolto un paesino svizzero della Val Bregaglia, a pochi chilometri dal confine con l'italiana Villa di Chiavenna, in provincia di Sondrio.

Usa, 18 morti in Texas causati da Harvey
Una volta che la tempesta ha preso terra, l'enorme quantità di acqua che portava con sé ha cominciato a invadere i centri urbani. La più grave alluvione che colpì Houston fu quella del 1935, ma un'altra catastrofica ci fu anche nel 1929, e poi altre.

Una frana nella stessa zona di quella avvenuta il 23 agosto scorso, quando una grande massa di detriti si era staccata dal Piazzo Cengalo e otto alpinisti erano stati travolti.

Le interruzioni stradali, provocata dalle frane staccatesi nei giorni scorsi dal Pizzo Cengalo (GR/I), riguardano in particolare la statale 37, poi H3 in territorio elvetico, che conduce al passo del Maloja (GR), utilizzata tutti i giorni da diverse migliaia di frontalieri di Valtellina (I), Val Chiavenna e alto lago di Como (I). La frana di stanotte si è appoggiata nel bacino creato dalla frana del 23 agosto, riempitosi di detriti quest'ultimo a seguito delle intense precipitazioni, si è generata un accumulo di detriti che collassando ha ripreso la sua corsa a valle. Le autorità locali hanno reso noto che non ci sono feriti. Secondo il comune, lo smottamento ha colpito pure la vecchia strada cantonale, bloccando così l'accesso alla valle. La località di Promontogno è rimasta senza corrente elettrica. Due le persone evacuate con l'elicottero della Rega nel paese di Spino. Di loro, che risultavano dispersi, dopo quattro giorni erano state sospese le ricerche. Si spera che il freddo arrivi in fretta e aiuti a dare stabilità al materiale a monte scongiurando altre devastanti colate.