Internazionale

UE: respinti i ricorsi di Ungheria e Slovacchia "Relocation migranti meccanismo proporzionato"

UE: respinti i ricorsi di Ungheria e Slovacchia

I ricorsi presentati da Ungheria e Slovacchia alla Corte di Giustizia Ue contro il provvedimento di ricollocamento obbligatorio dei migranti sono stati respinti.

Tale meccanismo contribuisce effettivamente e in modo proporzionato a far sì che la Grecia e l'Italia possano far fronte alle conseguenze della crisi migratoria del 2015, secondo la Corte.

"La porta è ancora aperta", ma se Ungheria, Repubblica Ceca e Polonia "non cambieranno il loro approccio sui ricollocamenti, andremo avanti con l'ultimo passo della procedura di infrazione, col deferimento alla Corte di giustizia Ue" ha detto il commissario europeo alla Migrazione Dimitris Avramopoulos, dopo la sentenza della Corte Ue.

Fifa 18, trailer "Il Viaggio: Il Ritorno di Hunter"
Le trattative per i contratti e i trasferimenti sono state completamente riviste, per darle un tocco ancor più realistico. La peculiarità della versione Nintendo Switch di Fifa 18, tuttavia, consiste nel fatto di poter giocare in mobilità.

In questa sede il presidente del Pe ha ribadito la necessità di mettere in campo una sorta di 'Piano Marshall' per l'Africa mobilitando almeno 40 miliardi di euro per lanciare una strategia per lo sviluppo del continente che intervenga sui motivi che sono alla base dei flussi migratori verso l'Europa.

Il piano era stato approvato per il ricollocamento di 120mila persone (e in seguito allargato a 160.000), delle quali finora solo 25mila hanno avuto accesso al programma. Dello stesso avviso anche Antonio Tajani: "La solidarietà non è a senso unico". Nel ricorso, i tre Paesi sostenevano che il meccanismo delle quote fosse stato deciso con una procedura irregolare, ma la Corte ha respinto la tesi e ora, se persevereranno nel non rispettare l'accordo rischieranno un'ammenda.

La decisione della corte Ue di respingere i ricorsi sulle 'relocation' dei richiedenti asilo è "oltraggiosa e irresponsabile" e "mette a rischio la sicurezza dell'Europa". Diciannove i Paesi di destinazione: nell'ordine, Germania (3.215), Norvegia (816), Svizzera (779), Finlandia (755), Paesi Bassi (714), Svezia (513), Francia (330), Portogallo (302), Belgio (259), Spagna (168), Lussemburgo (111), Malta (47), Romania (45), Slovenia (45), Cipro (34), Lettonia (27), Lituania (27), Croazia (18) e Austria (15).