Sportivo

Barcellona-Juve, Allegri: "L'obiettivo è passare il turno"

Barcellona-Juve, Allegri:

Mi aspetto una partita intensa, fra due squadre di livello e con in palio un risultato prezioso.

Non ci saranno neanche Khedira, Marchisio ed Howedes. "Sono contento per lui - sottolinea Allegri - per quello che sta facendo e sono fortunato ad allenarlo". Due squadre che hanno vinto 8 Champions League e un'infinità di titoli tra campionati e coppe. Vogliamo dimostrare quello che possiamo fare, vogliamo vincere e non guardarci indietro. "Non dobbiamo fare calcoli, anche perché arrivare primi o secondi potrebbe cambiare poco", sottolinea il tecnico, che non si fida di un Barcellona sulla carta più debole dopo la cessione al Psg di Neymar.

"Sarebbe bello, ma difficile, giocare tre gare col Barcellona e non subire go".

Primavera Milan, Gattuso: "Abbiamo fatto una figuraccia"
Quella guidata dall'Aeroplanino "è una squadra di qualità, ai tempi di Ancelotti arrivavano tanti giocatori di qualità ogni estate".

"Assieme al Real, il Barcellona è la squadra più forte". Il Barcellona ha anche qualche difetto. Serviranno consapevolezza, tecnica e serenità. La pausa per le partite di qualificazione ai Mondiali regalano ogni volta polemiche: non sono mancate neanche questa volta, specialmente dopo il ko per 3-0 dell'Italia in Spagna: "La Nazionale è stata eccessivamente criticata, il suo obiettivo è raggiungere il Mondiale, che arrivi al traguardo giocando bene o meno bene non conta". Sabato ha fatto 20 minuti buoni, sta crescendo e domani può essere utile.

"Juve e Barcellona hanno fatto il massimo possibile in campionato, conquistando nove punti". La società ha aggiunto tanta qualità e i risultati sono arrivati anche cambiando tanto.

Lui l'anno scorso non c'era ma Ernesto Valverde fa sua la rabbia di Barcellona per quell'eliminazione in Champions ad opera della Juve e si appoggia alla voglia di vendetta degli azulgrana per la supersfida di domani sera al Camp Nou contro i bianconeri: "La Juve ha una capacità di pressione elevata". Bisogna fare gol e giocare una partita giusta, senza fare calcoli.