Finanza

Agcom: sanzioni per gli operatori che fatturano ogni 4 settimane

Agcom: sanzioni per gli operatori che fatturano ogni 4 settimane

"L'unità temporale per la cadenza delle fatturazioni deve essere il mese o i suoi multipli", ribadisce l'AgCom, mentre annuncia sanzioni per gli operatori che impongono la tariffazione a 28 giorni anche su rete fissa. Tuttavia, anche per coloro che hanno appena sottoscritto un contratto con un operatore telefonico tra quelli sanzionati, non c'è da preoccuparsi: Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb adegueranno i pagamenti sotto il controllo dell'AgCom. Al fianco di AgCom si sono schierate le associazione dei consumatori. Anzi, proprio in questo periodo Sky sta comunicando ai propri abbonati che, dal primo ottobre 2017, intende passare al piano tariffario dei 28 giorni. "Siano innanzitutto multe esemplari" chiede Massilimiano Dona presidente dell'Unc: "A differenza di quanto sostenuto ieri alla Camera dal ministro per i Rapporti con il Parlamento, Anna Finocchiaro, al question time, non è vero che il Tar del Lazio il 7 giugno aveva accolto le richieste di sospensiva delle compagnie telefoniche, ma aveva solo anticipato il giudizio di merito ai sensi dell'art.55, comma 10 del codice del processo amministrativo". Probabilmente, si tenterà di formulare la nuova norma ribadendo i caratteri di "essenzialità" e "universalità" della telefonia fissa, intesa come servizio pubblico garantito a tutti i cittadini e, dunque, materia in cui lo Stato si riserva di intervenire nella contrattazione privata tra somministratore e utente per garantirne il pieno godimento. Anche M5s si è detto disponibile a fare una legge, su un tema sempre più caldo che rischia ormai di diventare oggetto di contesa elettorale.

Antonella Clerici nel 2018 condurrà "Sanremo Young"
Per la bionda conduttrice è l'occasione di fare il punto sulle sfide che l'attendono nella stagione televisiva 2017/2018. Ad esempio, Anna Moroni uscirà dallo studio e in qualità di inviata racconterà il pranzo delle comunità straniere.

Dopo le rimodulazioni tariffarie unilaterali, con la fatturazione a 28 giorni le compagnie telefoniche hanno voluto "ritoccare" al rialzo i bilanci annui, mantenendo un basso profilo in termini d'impatto comunicativo. In attesa del pronunciamento del tribunale amministrativo, in ogni caso, hanno continuato a operare come se nulla fosse accaduto, insistendo ancora sulla fatturazione a 28 giorni. Il rischio è che tutto il mercato dei servizi in abbonamento si adegui alla cadenza a 28 gg. L'Unione nazionale consumatori ha dato vita a una campagna alla quale hanno aderito 5000 persone allo scopo di informare consumatori e classe politica.