Internazionale

Lamezia, ricomincia la scuola: in classe 12.609 studenti

Lamezia, ricomincia la scuola: in classe 12.609 studenti

Mi sembra molto simile a ciò che ha stabilito una preside di una scuola di Rimini.

Giusto immaginare un processo di educazione alle tecnologie, anche legata al piano dell'innovazione delle scuole, ma essa deve coinvolgere quanto più possibile l'intera comunità scientifica ed educante.

Ma non sarà certo la riduzione di un anno dell'attuale percorso scolastico, il cosiddetto liceo breve proposto dall'ultima riforma, la panacea di tutti i mali della scuola.

Messi spaventa la Juventus: da solo sta trascinando il Barcellona
I ragazzi di Allegri riescono a tenere un tempo, ma nella ripresa prima Messi e poi Rakitic bucano la porta di Buffon. Non felice anche la giornata di Strootman, mentre Nainggolan si è fatto conoscere con un gran tiro sul quale.

"Intanto lo si scopre adesso solo perché c'è un titolo di giornale, ma questa cosa l'ho detta a luglio, in una iniziativa pubblica nazionale sulla introduzione del digitale nelle scuole, che è la quarta rivoluzione fondamentale, e l'uso dello smartphone appartiene al tema dell'insieme degli strumenti a disposizione". Un'emozione che si legge sul volto di bimbi, giovani, insegnanti, genitori e personale scolastico. Durante questo anno scolastico inoltre vogliamo far partire le procedure per la realizzazione della nuova scuola media, in modo che presto i ragazzi di Santa Fiora abbiano a disposizione una scuola al passo con i tempi, più moderna e sicura - ha continuato il sindaco -. Con il tempo e l'età l'ho di sicuro rivalutata, perché ci ha insegnato il rispetto per le regole e il sapersi comportare a seconda dei luoghi in cui ci si trova.

A Subbiano il suono della campanella dopo la pausa estiva, vede al centro dell'attenzione i bambini delle scuole elementari, sistemati in altri luoghi dopo la chiusura del plesso predisposta dall'amministrazione a fine giugno a seguito di controlli che ne avevano evidenziano carenze strutturali.

Quel maestro o quella maestra che avete incontrato stamattina non lo dimenticherete più solo se sarà stato davvero "magister", il più grande. E' ipocrita dire che tutti sanno ascoltare, ridere, osservare un bambino o un ragazzo di dieci anni. L'insegnante, unico attore di questa rappresentazione che ogni giorno va in scena nelle nostre classi, deve "sentire" il pubblico e coglierne gli umori se lo vuole conquistare, riuscendo come un attore consumato a riempire il teatro.