Tecnologia

Beckham: "Che ricordi al Milan, era come stare in famiglia"

Beckham:

La bolgia creatasi a Milano dove l'ex calciatore ha presenziato per l'inaugurazione di un nuovo store del brand Adidas rappresentato dal calciatore è davvero pazzesca. Il finale è stato amaro, con l'infortunio al tendine d'Achille, ma i ricordi sono tanti: "Era come stare in famiglia". Forse per via dei tifosi, per la gente forte, cosa che mi piace. Anche se rispetto moltissimo la vecchia dirigenza, devo dire che c'è molta eccitazione e grandi aspettative per quello che i nuovi proprietari stanno facendo. Vincere anche in Serie A dopo sette anni, un campionato che da sempre lo affascina: "La Serie A è ancora uno dei campionati più competitivi e appassionanti".

Arabia Saudita: patente libera per le donne dal 2018
Era il 1990 quando decine di donne saudite si misero al volante per protesta e furono punite con la prigione . Per anni le organizzazioni in difesa dei diritti hanno fatto campagne per ottenere questo risultato.

E' bello vedere che quest'anno stiano lottando per lo scudetto. Ci si chiede se Beckham abbia dei rimpianti sulla sua carriera: "Non ne ho. Mi è piaciuto giocare in Italia e per il Milan: mi è mancata Milano, così come il paese". Ho giocato per alcune delle più importanti squadre del mondo e ho sperimentato culture differenti. "Sono soddisfatto, ho avuto una bella carriera". I miei affari stanno andando molto bene, sono incredibilmente fiero del mio lavoro con l'Unicef e non vedo l'ora di rivelare i miei piani per Miami. "Seguite il calcio perché è ancora il più bel gioco del mondo".