Medicina

Taleggio dell'Esselunga ritirato dagli scaffali: "Contiene Listeria"

Taleggio dell'Esselunga ritirato dagli scaffali:

Esselunga ritira un lotto di formaggio Taleggio dop "Piacere Naturale" a marchio Carozzi Formaggi.

La listeria si cura con gli antibiotici, sotto prescrizione e controllo medico, ma l'ISS raccomanda di porre particolare cura alle norme igieniche per la pulizia e preparazione dei cibi, ovvero lavaggio degli alimenti crudi con disinfettante alimentare, lavaggio della posate e delle mani e cottura completa dei cibi. Se assunto da donne in gravidanza può portare al rischio di morte fetale, aborto e parto prematuro. I soggetti più a rischio sono le donne incinte, poiché l'infezione potrebbe trasmettersi al feto e metterlo in pericolo.

Catalogna, il giorno dello sciopero. Domani l'indipendenza? Ma si tratta
Anche se l'obiettivo dell'indipendenza resta e non può venir messo in discussione, Puigdemont ha così rinnovato la sua disponibilità a trattare.

VALSASSINA - Ha suscitato scalpore il secondo caso in pochi giorni con protagonista un lotto di taleggio dop a latte crudo prodotto da una azienda del nostro territorio, ritirato dal mercato a causa della presenza di listeria. Le confezioni di spinaci coinvolte nelle operazioni di richiamo, come da indicazione riportata anche sul sito del Ministero della Salute, appartengono ai lotti numeri 15986504, 15986506, 15995174, 16008520 con scadenza agosto 2019. Nel documento ministeriale, datato 29 settembre, si specifica che il lotto 4973 non va consumato e va "richiamato dal consumo". "La mandragora - spiega la guida pubblicata sul sito dello stesso ministero della Salute - contiene degli alcaloidi con azione anticolinergica, che causano agitazione, allucinazioni e, nei casi più gravi, convulsioni e coma". L'antidoto da somministrare, in caso di indigestione, è la fisostigmina.

Un'intera famiglia, padre, madre e due figli, è stata ricoverata a Milano dopo aver mangiato gli spinaci surgelati della Bonduelle "Millefoglie": all'interno erano presenti foglie di mandragora, una pianta classificata tra le "velenose" in quanto continene alcuni alcaloidi che possono provocare allucinazioni e tachicardia. Stessi sintomi anche per un uomo ricoverato il 5 settembre, che però aveva mangiato spinaci freschi.