Internazionale

Catalogna: Puigdemont dichiarerà indipendenza. "Rischia cella"

Catalogna: Puigdemont dichiarerà indipendenza.

E' in questo scenario che Puigdemont, che rischia fino a 25 anni di carcere per la proclamazione dell'indipendenza, ha lanciato diverse volte l'appello al "dialogo" e indicato un percorso lungo e indefinito per la secessione, sospendendo una indipendenza mai proclamata: "Le urne hanno detto sì all'indipendenza, e questo è il cammino che sono pronto a intraprendere", ha affermato, ma "tutti dobbiamo assumerci la responsabilità di allentare la tensione e di non aumentarla né con gesti né con parole".

Si è aperta la seduta del Parlamento catalano dopo la pausa di un'ora chiesta dal president delal Catalogna Carles Puigdemont I deputati del parlamento catalano, ientrati nell'aula nell'emiciclo e ora Puigdemont potrebbe annunciare l'indipendenza della Catalogna da Madrid. Secondo queste fonti, Puigdemont voleva sospendere temporaneamente la dichiarazione d'indipendenza. Manifestazioni di questo tipo, una prima assoluta che potrebbe contribuire a sbloccare la situazione, si sono verificate in alcune delle principali città spagnole e anche catalane.

C'è grande incertezza sulla formula che userà, ovvero se verrà pronunciata una dichiarazione unilaterale di indipendenza oppure si parlerà di indipendenza "differita", in modo da lasciare aperto il dialogo con Madrid, che però finora ha respinto ogni trattativa con Barcellona. Quindi la conseguenza è un impoverimento generale dei territori.

Sampaoli: 'Nulla da rimproverarci'. In Argentina però è bufera e Dybala
Destini incrociati per la bagarre sudamericana giunta ai titoli di coda, finale che promette tuttavia altri colpi di scena. La tentazione di Sampaoli è quella di schierarlo esterno alto in un 4-2-3-1.

Nel Partito popolare i toni sono durissimi. C'è bisogno di stabilità negli Stati per averla poi anche a livello europeo, se vogliamo puntare sulla crescita economica e risolvere i nostri problemi. Ma si tratterebbe comunque di una violazione della legge, perchécorrisponde all'attuazione "arbitraria" del voto emerso da un referendum bocciato dal Tribunal Constitucional.

Al programma notturno "30 Minuti" di TV-3 il Presidente catalano non ha fornito molti dettagli sulle sue reali intenzioni, ma il fatto che sia sempre stato un acceso indipendentista non lascia spazio a dubbi presso gli osservatori. Ma sulle cifre della partecipazione è scattata la polemica: 350.000 persone secondo la polizia municipale, 950.000 secondo gli organizzatori, che hanno portato a Barcellona 185 pullman e numerosi treni ad alta velocità da altre zone della Spagna.

R. - Il nazionalismo è il contrario dell'amor di patria. "Loro si credono migliori perché la regione è prospera". E si è buoni europei se si è buoni spagnoli, tedeschi, francesi, romeni, bulgari... Il documento, denominato "Enfo CATs Reenfocant el procés d'independencia per un resultat exitós" e intercettato dal quotidiano El Paìs, mostra le tappe del percorso indipendentista ideate dalla coalizione catalana Junts pel Sí dalle elezioni del 2015 sino ad oggi.