Internazionale

Migranti, sbarco dell'orrore a Salerno: 26 donne morte

Migranti, sbarco dell'orrore a Salerno: 26 donne morte

Orrore nel porto di Salerno dove questa mattina è attraccata la nave militare spagnola "Cantabria" con a bordo circa 400 migranti, soccorsi nel Mediterraneo, e 26 cadaveri di donne, tutte annegate durante la traversata su un gommone di fortuna.

Oltre alle indagini sulle 26 donne decedute e alle operazioni per la loro sepoltura, si è attivata anche la macchina dell'accoglienza per coloro che ce l'hanno fatta. E' una nave che sarà più complicata sia per i tempi che sotto l'aspetto morale ed etico, ovviamente siamo ancor di più stretti nella collaborazione perché sono 26 omicidi del mare. Secondo il prefetto della città campana, Salvatore Malfi, si tratta di "una tragedia dell'umanità, e credo che la procura si attiverà da subito per valutare se possa trattarsi di altrettanti omicidi. Permettere che tutte queste persone vadano incontro alla morte, consentendo questi viaggi della speranza, è il vero dramma rispetto al quale interrogarci, prima ancora di preoccuparci di come accoglierli e distribuirli". Bisogna vedere se si trova qualche soggetto su cui concentrare l'attenzione o se si procederà contro ignoti. "Che qualcuno abbia fatto morire queste donne e non sia stato un fulmine arrivato dal cielo è una cosa ovvia" conclude il Prefetto di Salerno. Il barcone è affondato e le donne purtroppo non ce l'hanno fatta.

Evra, Calcio in Faccia ad un Tifoso
Da qui il gesto di Evra che prima si è avvicinato agli ultras e poi ha sferrato il calcio a uno di loro. L'ex terzino della Juventus ha scagliato un violento calcio all'indirizzo del tifoso colpito al volto.

A Salerno sono sbarcate anche 10 donne in stato di gravidanza e 20 bambini sotto i 10 anni. Dei sopravvissuti, settantadue resteranno in Campania, gli altri verranno trasferiti in altre Regioni. Sono state allertate anche le associazioni di volontariato e le strutture che dovranno accogliere i migranti: al lavoro la protezione civile, la Caritas, i mediatori culturali, coordinati dal Comune di Salerno.