Cultura

Ridley Scott rimpiazza Kevin Spacey con Christopher Plummer

Ridley Scott rimpiazza Kevin Spacey con Christopher Plummer

Dopo la sospensione di House of Cards, anche la Sony Picture ha scelto di prendere provvedimenti, ritirando da un festival di Los Angeles il film "Tutti i soldi del mondo".

Ex 007 del Mossad assoldati da Harvey Weinstein per spiare attrici e giornaliste molestate e party con soli uomini per Kevin Spacey. Ridley Scott, insieme ai produttori Dan Friedkin e Bradley Thomas, hanno annunciato che verranno rigirate in fretta e furia tutte le scene nelle quali compare Kevin Spacey, sostituendolo con il collega Christopher Plummer: si tratta di un incubo, in termini produttivi, perché occorre ricostruire i set, richiamare tutti gli attori e le comparse coinvolti, girare e poi rimontare il film. E di questo passo a farne le spese sarà la sua carriera.

Altro "colpo" per Kevin Spacey: l'attore, travolto dallo scandalo sulle molestie sessuali, è stato cacciato dal set di "Tutto il denaro del mondo", il film girato sotto la regia di Ridley Scott, in uscita ili 22 dicembre.

Saras vede aumento margine di raffinazione dopo allungo di utili e ricavi
Il Consiglio di Amministrazione di Rai Way S.p.A. (Rai Way), riunitosi oggi sotto la presidenza di Raffaele Agrusti, ha esaminato e approvato all'unanimità il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2017.

Nonostante la data di uscita ravvicinata Ridley Scott ha deciso di salvaguardare Tutti i soldi del mondo da possibili boicottaggi, intervenendo con l'avallo diretto dei vertici di Sony Pictures con un'azione senza precedenti. Spacey - secondo quanto riporta Hollywood Reporter - sara' sostituito da Cristopher Plummer nel ruolo di Paul Getty. Le riprese sono già iniziate, e prevedono la partecipazione anche di altri attori, come Mark Wahlberg e Michelle Williams.

È molto possibile che si debbano rigirare le scene visto che Spacey era uno dei protagonisti del film. La pellicola racconta la storia del rapimento, avvenuto in Italia a opera della 'ndrangheta, del nipote del miliardario americano nel 1973.