Sportivo

Italia sconfitta dalla Svezia, mister Pochesci: "Non meniamo più, siamo diventati Pariolini"

Italia sconfitta dalla Svezia, mister Pochesci:

Dalle dichiarazioni al veleno di ieri alle scuse di oggi: l'allenatore della Ternana, Sandro Pochesci, nel day after, spiega i motivi delle sue parole pepate e si scusa con quanti abbiano interpretato in maniera offensiva la sua esternazione. La rabbia espressa in conferenza stampa è quella di chi essendo partito dalla gavetta vera ed essendo approdato finalmente con la Ternana al calcio professionistico, ha ancora fame di vittorie. La Svezia vale una squadra di Lega Pro! "Una volta l'Italia menava e vinceva, adesso ci menano e piangiamo", il duro attacco dei Sandro Pocheschi alla vigilia della sfida contro il Novara. Ecco la differenza del calcio italiano. Parole troppo pesanti, soprattutto perchè arrivano in un contesto, quello di una conferenza stampa in cui ha preferito soffermarsi più sulla sconfitta degli azzurri in Svezia che sull'impegno in programma contro il Novara, valevole per la 14^ giornata del campionato di Serie B. Andiamo in Svezia e ci menano.

Esperto spiega perché Putin e Trump non si sono ancora incontrati
Donald Trump e Vladimir Putin si sono incrociati durante la foto ufficiale al vertice Apec in Vietnam , si sono salutati e hanno scambiato alcune parole.

"Stiamo rischiando di andare a casa per paura, siamo diventati 'pariolini', siamo andati in Svezia e le abbiamo prese". L'Italia non si può permettere di essere esclusa. Se vedo la mia squadra che lo fa me ne vado e ci metto un altro più coraggioso perché può darsi che io gli ho trasmesso paura. Finita? Nemmeno per sogno: "Con chi abbiamo perso?" I giornalisti, noi addetti ai lavori, perde l'Italia, se dovemò sveglià - afferma il tecnico della Ternana in dialetto omanesco - dobbiamo cambiare le regole. Poi però travalica il suo ruolo quando comincia ad attaccare il sistema e grida: "Le Primavere sono fatte da stranieri". Il calcio è fatto dagli italiani, questo è il campionato italiano, sennò facciamo il campionato europeo e mondiale. "Ogni mese esce fuori un oriundo nuovo, ma andassero a prendere gli italiani nei campionati inferiori e gli dessero l'opportunità della vita". "Ci fanno stare fino a lunedì con il pensiero che usciamo dal Mondiale, una vergogna".