Sportivo

Buffon in lacrime: "Colpa di tutti. Dispiace lasciare la Nazionale così"

Buffon in lacrime:

"Dopo il 90' ci sarà il tempo delle critiche e le accetteremo se dovremo, ma finché ci sarà vita e speranza il sostegno e l'aiuto del pubblico ci potrebbero dare davvero una grande mano". Ognuno di noi sa, in modo diverso, come arrivare al meglio a certe partite. "Abbinerei la soddisfazione personale a quello collettivo, che è sicuramente più importante".

"E' un momento molto alto di tensione, perché è inevitabile vista la posta in palio e il senso di responsabilità che ognuno di noi deve avere". Culliamo il sogno di andare al Mondiale. "E' tutto un flusso continuo e sono felice che sia così perché penso che possa portare tutto questo a qualcosa di buono". Mi è capitato tante volte nella carriera di essere di fronte a bivi come questo, da dentro o fuori. Si parla poco tra noi, si parla il giusto, sempre in maniera costruttiva e propositiva e sempre per condividere e per dare una mano a chi ne ha bisogno. Tuttavia questo "non cambierà le [sue] decisioni sul futuro": la sua situazione risulta essere secondaria rispetto a tutta la squadra. In quel caso, come ben noto, con l'1-0 casalingo si andrebbe ai supplementari ed eventualmente ai rigori: "Da parte nostra è arrivata l'ora dei fatti". Dipenderà molto da come noi scenderemo in campo. Il calciatore ha sostenuto in più circostanze che per lui sarebbe stato l'ultimo campionato del Mondo, poi avrebbe detto addio al gruppo azzurro e al mondo del pallone. "San Siro può aiutarci tanto". Siamo costretti a una piccola impresa, è necessario che la gente ci sostenga.

Terremoto di magnitudo 7.3 in Iraq, vicino al confine con l'Iran
Secondo l'Istituto statunitense, l'epicentro è stato localizzato a 30 chilometri da Halabja , nel Kurdistan iracheno. Il centro sismografico europeo-mediterraneo, ha rilevato invece un'intensità di 7.2 gradi nella scala Richter.

Approcciare la gara con uno spirito critico porterebbe solo malefici.

E conclude: Mi piacerebbe ed emozionerebbe se chi verrà allo stadio svestisse i colori del proprio club per vestire soltanto l'azzurro che ci accomuna tutti. Poi dopo il novantesimo ci potranno essere i fischi e dobbiamo avere l'umiltà di accettarli.