Internazionale

Malta: dieci arresti per l'omicidio della giornalista Galizia

Malta: dieci arresti per l'omicidio della giornalista Galizia

La Valletta. Svolta nelle indagini per l'omicidio della blogger maltese Daphne Galizia Caruana, uccisa a 53 anni lo scorso 16 ottobre con un'autobomba nei pressi della sua abitazione. Gli arresti sono stati eseguiti in diverse aree, tra Marsa e Bugibba. Il premier durante una conferenza stampa ha altresì precisato che i fermati sono cittadini maltesi, alcuni dei quali già noti alle forze dell'ordine. Ora la Polizia ha 48 ore per avere la conferma dal giudice della legalità dell'arresto e per formulare un capo di imputazione specifico. A dare la notizia dei fermi è stato direttamente il Primo Ministro Joseph Muscat, sottolineando che sono tutti di origine maltese.

Muscat ha anche ammesso di essere consapevole delle implicazioni e del rischio di fare una dichiarazione in questa prima fase delle indagini. Muscat ha riferito che gli ib vestigatori ritengono gli otto arrestati i responsabili dellì'omicidio della giornalista con un'autobomba.

Salvini imbavagliato e ostaggio delle BR. "Non mi fanno paura"
Ad intervenire è stato proprio il numero uno del Carroccio, che sul suo profilo Facebook non le ha mandate a dire: "Incredibile". Ricordi di un sanguinario passato terroristico sono da condannare con forza.

L'omicidio della giornalista aveva provocato un'ondata di indignazione sia a Malta che all'estero. Tantissimi maltesi sono scesi in piazza a La Valletta per chiedere la verità. Il governo aveva offerto un milione di euro per informazioni che aiutassero a risalire ai colpevoli ed esperti internazionali, compresa l'Fbi, erano arrivati per aiutare nell'inchiesta.