Tecnologia

Apple ha comprato Shazam per 400 milioni di dollari

Apple ha comprato Shazam per 400 milioni di dollari

I portavoce di Apple hanno confermato ufficialmente alcune voci circolate secondo le quali la compagnia di Cupertino avrebbe acquistato Shazam, il software in grado di identificare i brani musicali e altri contenuti. Apple Music e Shazam sono una combinazione perfetta, condividono la passione per la musica e offrono esperienze musicali eccezionali ai nostri utenti. Ben accolta ad un prezzo modico per Cupertino, se si pensa che nel 2015 Shazam era stata stimata per un miliardo di dollari. "Abbiamo in serbo progetti entusiasmanti", questo quanto dichiarato dall'azienda di Cupertino nella nota ufficiale. Quest'anno con l'app Camera di iOS 11 Apple ha aggiunto la possibilità di leggere i codici QR, e l'azienda sta spingendo per implementare le funzionalità AR dei suoi dispositivi mobili.

Non è un mistero che Apple si stia muovendo dietro le quinte per diversificare il proprio business in ottica futura.

Cecilia Rodriguez fischiata in discoteca. Lei reagisce così VIDEO
Accade in tutto il mondo: le persone si conoscono, si innamorano, stanno insieme e poi, se non vanno più d'accordo, si lasciano.

Anche Shazam ha commentato l'operazione: "Siamo felici di annunciare che Shazam ha raggiunto un accordo per diventare parte di Apple". Oggi è utilizzata da centinaia di milioni di utenti in tutto il mondo, su varie piattaforme. E ora ha in mano uno dei canali che ingrassa maggiormente la base abbonati di Spotify: Shazam. A quel punto si riceveva un messaggio di testo con le informazioni sul brano che si stava ascoltando. Oggi è finalmente arrivata la tanto attesa ufficialità dell'acquisizione di Shazam da parte di Apple. Il sito TechCrunch venerdì parlava di 400 milioni di dollari.

Shazam, che dalla primavera scorsa sfoggia un nuovo aspetto, è di fatto già legata a stretto filo a Siri, almeno a partire a iOs 8, che la sfrutta per rispondere ai quesiti musicali. In nove anni di attività, dal lancio della prima app per smartphone, l'unicorno inglese (ossia una società valutata almeno un miliardo di dollari) ha raggiunto l'anno scorso il miliardo di download.