Cultura

Alla scoperta dei luoghi di Star Wars

Alla scoperta dei luoghi di Star Wars

Perché colma quella carenza di "effetto peluche" di cui ci sentivamo orfani dai tempi degli Ewok e, contemporaneamente, non si è di fronte ad un passo falso assoluto come Jar Jar Binks (che, per citare Il Gatto sul Tubo, uno dei più noti youtuber italiani "Ti piace a sette anni: se ti piace dopo è meglio che prenoti al più presto un check-up al cervello").

Il grande giorno è arrivato. Il suo epico viaggio proseguirà insieme a Finn, Poe e Luke Skywalker nel prossimo capitolo della saga di Star Wars: le riprese dell'Episodio VIII si sono svolte presso i Pinewood Studios a Londra.

Ecco qualche curiosità, dai film d'ispirazione alle scenografie, dalle location alle nuove creature che vedremo in Star Wars - Gli Ultimi Jedi di Rian Johnson, il secondo capitolo della nuova trilogia sull'universo creato da George Lucas, che debutta domani in sala con Disney.

Il suo personaggio, così come l'incontro-scontro che vive con la speranzosa Rey, richiama infatti le avventure de L'impero colpisce ancora, riuscendo però a mantenere un'indipendenza narrativa che nel settimo capitolo parzialmente mancava.

Alla scoperta dei luoghi di Star Wars
Alla scoperta dei luoghi di Star Wars

Quello che penso nelle prime, potenti sequenze di battaglie stellari, è che il divario tra le maratone su Italia 1 e queste inedite ma non proprio originali esperienze natalizie, ha il sapore di un deja-vù che non è un vero deja-vù.

Rey (Daisy Ridley; Il risveglio della Forza, Assassinio sull'Orient Express) è appena giunta sull'isola in cui da tempo si è nascosto Luke Skywalker (Mark Hamill; Star Wars ep. IV-VI, Kingsman: Secret Service) per chiedergli aiuto a fermare Kylo Ren (Adam Driver; Paterson, Logan Lucky) e il perfido Leader Supremo Snoke (Andy Serkis; The War - Il pianeta delle scimmie, Avengers: Age of Ultron). Nel 1999, agli albori dell'uscita di quello che sarebbe stato il primo film della "Trilogia prequel", "La minaccia Fantasma", Guerre Stellari del 1977 venne rinominato "Episodio IV - Una nuova speranza" per dare una consequenzialità di eventi alle nuove pellicole girate. E che ci sia un'enorme attenzione all'umanità dei protagonisti lo si capisce immediatamente guardando il (rispettoso) trattamento dedicato a Luke Skywalker, l'imperfetta leggenda della Galassia, del quale viene messo in luce l'uomo prima che il mitico cavaliere Jedi. Ed è davvero un peccato, perché Star Wars VIII - Gli Ultimi Jedi ha una volontà di distinguersi e percorrere la sua strada.

C'è anche chi nell'impeto dell'entusiasmo starwarsiano ha deciso di disegnare i personaggi della serie sui muri dell'ufficio. È chiaro il disegno, non piattamente "rottamatore", di far scomparire i vecchi per rilanciare nuovi caratteri, per staccarsi dal glorioso passato. E questo, grazie al cielo, non si traduce nemmeno in uno scialbo "i buoni diventano cattivi" o viceversa: c'è una realtà molto più sfaccettata e inaspettata in questo film. Ora tocca alla nuova generazione. Personalmente rimpiango l'idea di non aver più affidato la regia ad Abrams (qui presente come produttore esecutivo) e di aver scelto due stili fin troppo diversi per i due rami della storia, ma è indubbio che il film nonostante la sua lunghezza monstre (152', il più lungo finora di tutta la saga) sappia tenere lo spettatore attaccato alla poltrona. Ora spetta a chi l'ha raccolto dimostrare di essere all'altezza. Il 2017 è stato per i fan un anno particolarmente intenso: ad ottobre si era già raggiunto il livello di acquisti a tema dell'anno precedente a dicembre, mentre a novembre è stato raggiunto il picco degli acquisti on line.

Medici in sciopero oggi anche in Abruzzo
I governi che si sono susseguiti negli ultimi anni hanno la colpa della condizione critica e precaria degli ospedali italiani. I medici si giustificano così: "La sanità chiude un giorno per non chiudere per sempre".