Medicina

Francesca Barra: "Io e mio figlio ricoverati per epatite A"

Francesca Barra:

E' quanto scrive su Instagram la giornalista Francesca Barra, che si trova in ospedale ricoverata insieme a suo figlio, spiegando che non si erano vaccinati e che ora, molto probabilmente, trascorreranno le vacanze di Natale nel nosocomio. Ringrazio tutti per il vostro affetto.

"Non so se trascorrerò le feste qui, ma non importa", spiega ancora. Per questo lancia anche un monito alla collettività: "Non voglio convincere nessuno a vaccinarsi, non impongo il mio pensiero, ma vi consiglio di informarvi, visto che i casi sono in aumento". L'Italia è il Paese più colpito.

"Purtroppo i vaccini scarseggiano in tutta Europa per questo tipo di Epatite - continua la conduttrice sui social - Ma allora se è in corso un aumento di casi, non sarebbe il caso che il Ministero della salute diramasse norme, comportamenti per la prevenzione, anche nelle scuole, a noi genitori?" conclude dall'ospedale. È la donna a raccontarlo in un post condiviso su Instagram che serve soprattutto a mettere in allerta quanti vivono nella sua stessa regione dove pare sia scoppiata una vera e propria epidemia visti i casi in aumento.

Savoia: ebrei Roma, no salma al Pantheon
E questa è la volontà della bis nipote dei due sovrani defunti, Serge di Jugoslavia che si fa portavoce della famiglia Savoia. Vittorio Emanuele III , marito della Regina Elena , è il re che ha vissuto il secondo conflitto mondiale.

L'epatite A è una malattia acuta del fegato di origine infettiva.

Francesca Barra è finita in ospedale per l'Epatite A. Tra quelli più comuni compaiono nausea, diarrea, febbre, pelle gialla e vomito. Vi racconto la mia esperienza perché io e i bambini non eravamo vaccinati per l'Epatite.

"Ignoravo che ci fosse una epidemia di Epatite A". Quindi l'abbiamo presa entrambi a Milano (dove c'è stata una vera e propria epidemia ripeto!). Il vaccino contro l'epatite A, che si trasmette con contatto sessuale ma anche con il consumo di acqua e cibi contaminati come molluschi crudi o poco cotti o verdure poco lavate, è efficace e dura 10 anni.