Tecnologia

Apple conferma: "Rallentiamo i vecchi iPhone" (per una giusta causa)

Apple conferma:

Senza perderci troppo in tecnicisimi quel che viene fuori analizzando i picchi è che, a partire da iOS 10.2.1, iPhone 6s sembra proprio aver subito un downclock del processore, che è peggiorato ulteriormente con iOS 11.2; quest'ultima versione del firmware, inoltre, introduce i blocchi anche su iPhone 7, che invece non era stato toccato con iOS 10.2.1.

"E' vero, rallentiamo i vecchi iPhone, ma lo facciamo per evitare problemi con le vecchie batterie e prolungare la vita dei dispositivi": l'ammissione arriva direttamente da Apple.

L'ideatore del noto benchmark Geekbench per iOS e Android afferma di aver accertato una correlazione tra l'utilizzo di una batteria con tanti cicli di ricarica sulle spalle e le prestazioni degli iPhone più vecchi, ormai non più all'altezza della situazione. Dalle analisi compiute è emerso che la Apple abbassa notevolmente e consapevolmente lo standard delle prestazioni, ma solo per preservare la batteria quando diventa troppo vecchia, non per aumentare i guadagni o per ragioni di mercato.

Gli iPhone più datati e con batterie usurate, possono essere oggetti di rallentamenti voluti da Apple.

Trump va in aiuto di Putin
Il gruppo meditava di attaccare la cattedrale di Kazan che si trova quasi a metà della via centrale di San Pietroburgo . Informazioni per le quali il presidente russo Vladimir Putin , ha ricordato Trump , ha telefonato per ringraziarlo.

Non credo che le ultime parole di Apple passeranno indenni al giudizio degli utenti Apple, soprattutto quelli con attuali probelmi di batteria al proprio iPhone e che per l'occasione si ritroveranno comunque con un device meno prestante.

L'anno scorso abbiamo rilasciato una funzionalità per iPhone 6, iPhone 6s e iPhone SE in modo da appianare i picchi istantanei solo quando necessario, per evitare che il dispositivo si spenga inaspettatamente durante la presenza delle suddette condizioni. "Ecco perchè credo che Apple abbia introdotto un fix per limitare le prestazioni nel momento in cui il degrado della batteria raggiunge un certo livello".

Un portavoce di Apple ha commentato: "Il nostro obiettivo è dare la miglior esperienza ai clienti, e questo include sia la performance generale sia la capacità dei nostri dispositivi di durare più a lungo". "Abbiamo ora esteso la funzione all'iPhone 7 con iOS 11.2 e pianifichiamo di farlo anche per i prossimi prodotti". Stando alle dichiarazioni dei vertici dell'azienda, Apple non rallenterebbe i vecchi terminali per convincere gli utenti ad acquistare il modello successivo, ma per porre un rimedio al naturale decadimento delle batterie a litio. Il prossimo anno i nuovi iPhone 8, 8 Plus e X riceveranno, tramite un aggiornamento software, questa particolare funzione che ridurrà le performance andando a proteggere le componenti tecniche.