Cultura

Mann, mezzo milione visitatori nel 2017 dimensione font +

Mann, mezzo milione visitatori nel 2017 dimensione font +

"Scudetto o Champions? Non rinuncio a nulla, la cosa più' bella della vita e' sognare". Una delle grandi identità di questa città e' la squadra di calcio, il Museo non poteva non incontrarsi con questa tematica. Avete visto cosa sta succedendo a Bagnoli? Tutti coloro che visiteranno la mostra avranno anche una guida.

Per ADL, s'è sempre detto che il suo Napoli ha segnato un distacco dal passato. Questa mostra e' già un successo, nella determinazione di raggiungere un obiettivo. "Io ho rispetto per la storia del Napoli, per questo all'inizio fu chiamato Napoli Soccer, per creare un distinguo, era una assurdità giocare in serie C e purtroppo ci siamo stati due anni per poi riprendere la vecchia denominazione. Un popolo che cambia la storia", esposizione che per la prima volta pone in luce in maniera organica il ruolo che i ducati longobardi ebbero nella storia del Mezzogiorno. Mi sono stancato sempre di sentire chi compri, noi recuperando Milik e Ghoulam dobbiamo stare attenti perché rischiamo poi di comprare qualcuno e lasciarlo in panchina. Guardate quanto sta crescendo Mario Rui e lo stesso Ounas che piace molto al mister. Usciamo dalla logica "cacc e sord" perchè ne abbiamo tirati fuori tanti con intelligenza. Lo stadio per i tifosi e' una botta di vita, io non voglio deluderli ma la palla è rotonda. Credo che aumenterà anche il tasso di turisti in visita qui. Io gli cedo lo spazio volentieri, è lui il regista che ho scelto per farmi il film più bello per i miei spettatori che sono i tifosi. Scusatemi se non riesco a farvi felice, ma ci provo. "Voi siete il mio unico gol".

Catalogna, primo exit poll: vincono gli indipendentisti, ma maggioranza in bilico
Sono i risultati del sondaggio telefonico (3000 persone intervistate a urne ancora aperte) appena reso noto dal quotidiano La Vanguardia.

De Laurentiis: "Mi hanno colpito le variabili del ciuccio". Partiamo addirittura 20 anni prima della formazione del Napoli 1926. Racconteremo la storia del Napoli dal 1905, quando è stata fondata la prima associazione calcistica della città. Non abbiamo esposto tutto quello che si poteva esporre, e' stato fatto un lavoro di selezione. Abbiamo messo insieme persone d'eccellenza, raggiungendo un risultato straordinario. Il percorso che la squadra fa viene riportato anche in questa mostra. Una parte statica con immagine e testi per cogliere in pieno il racconto e le immagini emozionali da 13 maxi-schermi. Non ci saranno giocatori, ma è solo un incontro con i giornalisti. Entrando in questo museo ci si emoziona. Qui la spettacolarità è la storicità del percorso. Da qui si può partire, questo materiale è rappresentativo del calcio Napoli in mostra, non collegato ad un museo che un domani verrà creato in modo più spettacolare in una sede ideale che ancora non riusciamo a trovare. Perché in un museo la storia del calcio? Il museo parla e sviscera delle identità. Certe esperienze all'estero sono più avanti, speriamo che in futuro possa venir fuori un grande museo. Lo dico da cittadino, da persona amante dello sport, spero questo sia solo un primo passo. E' il miglior regalo della Ssc Napoli per Natale ai propri tifosi.

Il Museo Archeologico di Napoli (MANN) diretto da Paolo Giulierini ha raggiunto oggi la quota di 500 mila visitatori nell'anno 2017. Dentro la mostra sono sempre associati cimeli e foto in bianco e nero che seguono e danno conto della storia di Napoli.