Sportivo

Hamsik: "Nel 2018 bisogna raccogliere i frutti del nostro lavoro"

Hamsik:

Si parte proprio dal gol numero 116 e dalla standing-ovation del San Paolo: "E' stato bello, ho rivisto i video dei cori del San Paolo ed è stato emozionante. Maradona mi ha inviato anche un messaggio e lo ho ringraziato". "Penso a qualcosa per lui ma non voglio dire niente". E i segnali di crescita sono inequivocabili: la Juve non prende gol da otto partite, a conferma che quello che era stato inizialmente un tallone d'Achille, ossia la difesa, è tornato ad essere un punto di forza.

Cosa ha il Napoli in più rispetto alle altre? Ormai siamo insieme da tre anni e la squadra gioca benissimo. Ora è il momento di raccogliere i frutti di questo lavoro. "Speriamo di arrivare avanti alla fine". Su cosa dobbiamo lavorare? "Sembra facile, ma non lo è". Sarri? Malato di calcio, pensa pallone 24 ore al giorno. Giochiamo un calcio bellissimo. "Negli ultimi tre anni sulla fascia sinistra con Lorenzo Insigne e Ghoulam ci capiamo e ci troviamo molto bene". "Potrebbe esserci un nuovo rinnovo o anche la possibilità di accettare un ruolo in società se gli dovesse essere offerto, adesso è presto per pensarci". Ma è un grandissimo giocatore, non sta segnando solo per questione di sfortuna. Ne ho fatti tanti, ricordo quelli con Milan e Juventus, ma anche il primo in serie A non posso dimenticarlo. "Gli auguro di ritrovarlo già venerdì".

Siete vicini al titolo d'inverno. "Conta chi arriva davanti a maggio". Siamo la squadra che ha fatto più punti nel 2017 e ci auguriamo che il 2018 sia l'anno giusto per vincere qualcosa di importante. Poi, mi prenderò un po' di pausa per viaggiare e scoprire posti nuovi, soprattutto dove c'è il mare. Mi piace l'idea di giocare a Natale perchè le soste sono da evitare. "Dopo le soste è dura ripartire".

Inter:D'Ambrosio lesione legamento gamba
Brutte notizie in casa Inter: dopo la sconfitta per 1-0 in casa del Sassuolo , arrivano i referti degli esami e non sono buoni. Ma il tecnico nerazzurro dovrà fare a meno di due titolari per il derby di mercoledì: Danilo D'Ambrosio e Joao Miranda .

"Lotta scudetto? Siamo tutte e quattro là, speriamo che successivamente questa distanza possa allargarsi e la lotta possa restringersi. Dobbiamo sfruttare le prossime due partite, un calendario a noi favorevole". E' sempre stata questa la filosofia di Maurizio Sarri sin dall'arrivo a Napoli, riportando al top lo slovacco, reduce da stagioni controverse con Benitez da trequartista nel 4-2-3-1 con i gol che non mancavano pur non essendo al centro del gioco, così come le esclusioni in tanti big-match ed un malessere evidente nelle prestazioni.

"Come mi fanno sentire i tifosi qui, non mi fa sentire nessuno".