Sportivo

Juventus, Bernardeschi: "Qui mentalità unica: questa la differenza con le altre"

Juventus, Bernardeschi:

Mi riempie d'orgoglio. Il proposito per il 2018? Grandissime prestazioni con la Fiorentina e qualche apparizione con la maglia azzurra hanno spinto Bernardeschi verso un evoluzione tecnico-tattica che lo possono portare ai vertici del calcio nostrano.

L'esterno offensivo della Juventus, Federico Bernardeschi ha parlato ai microfoni di Sky Sport: "Sicuramente è stata una vittoria importante, contro una squadra importante come la Roma".

Pur non giocando spesso da titolare, il momento della squadra non può non creare ottimismo.

"Abbiamo vinto contro una squada che lotta per restare nelle prime posizioni e questo e' un bel segnale che abbiamo dato chiudendo un ciclo di gare importanti nel migliore dei modi". Ora che sono qui, mi sono accorto di cosa c'è dietro, delle ore di lavoro costante, dello spirito di sacrificio e della voglia di vincere e arrivare lontano. "Questa è differenza tra la Juventus e le altre squadre".

Pastore: "Contatti con l'Inter, ma..."
Il direttore tecnico è colui che mi ha portato a Palermo: è un amico, perciò parliamo spesso insieme, ma non c'è niente di più. Il trequartista argentino, oggi 28enne, lasciò la Serie A nel 2011 per trasferirsi dal Palermo al Paris Saint-Germain .

Spera presto di poter avere spazio. L'allenatore mi dice di stare tranquillo e di lavorare per migliorare sempre di più. Dall'interno questo aspetto si nota ancora di più. Gigi, poi, è un esempio da seguire per ognuno di noi, sia con la sua presenza che con le sue parole. "Anche lui mi dà fiducia e mi dice di stare molto tranquillo".

L'obiettivo per l'anno nuovo è quello di alzare qualche trofeo.

Sul rapporto speciale che ha stretto con mister Allegri e con capitan Buffon: "La mentalità della Juventus è unica, altrimenti non si spiegherebbero i 6 titoli vinti nelle ultime sei stagioni". La cosa più bella è stato arrivare qui in estate e trovare tanti tifosi ad accogliermi.