Tecnologia

WhatsApp dal 31 dicembre non supporterà più i seguenti dispositivi

WhatsApp dal 31 dicembre non supporterà più i seguenti dispositivi

Questa volta non sembra esserci stato nessun ripensamento e le modifiche entreranno in vigore con le seguenti modalità: BlackBerry OS e BlackBerry 10 fino al 31 dicembre 2017, Windows Phone 8.0 e precedenti fino al 31 dicembre 2017, Nokia S40 fino al 31 dicembre 2018, Android 2.3.7. e versioni precedenti fino al 1° febbraio 2020. Il servizio di messaggistica continuerà comunque a funzionare, però ci saranno alcune limitazioni. Nei restanti casi potete ancora farne uso.

Ma davvero WhatsApp non funzionerà più su alcuni smartphone dopo il 31 dicembre? L'estensione del supporto per Android 2.3.7 Gingerbread, o per le versioni precedenti dell'OS di Google, protratta per qualche anno, è stata annunciata a giugno dell'anno corrente.

WhatsApp ha raggelato i possessori di cellulari Blackberry o Windows Phone, annunciando che sin dal prossimo 1 gennaio non saranno rinnovati gli aggiornamenti dell'applicazione. Infatti, la piattaforma di messaggistica istantanea intende espandere ulteriormente le sue funzionalità.

Apple ammette: "Rallentiamo l'iPhone". Parte class action
Un'operazione che comunque comporta un costo che nei canali ufficiali si aggira intorno agli 80 euro. Ad ammissione è direttamente Apple .

Altro stop alla condivisione dei dati tra Whatsapp e Facebook, la discussa funzione che ha trovato critiche anche aspre in altre nazioni dell'Unione Europea, tra cui l'Italia e la Germania.

È necessario terminare il supporto per i sistemi ormai obsoleti per WhatsApp. Possono tirare un sospiro di sollievo, per il momento, gli utenti che possiedono un Windows Phone 10, sicuramente il meno "anziano" dei dispositivi coinvolti, che però non riceverà più gli aggiornamenti di sistema dalla casa produttrice Microsoft: insomma, anche in questo caso il "pericolo" di malfunzionamento è dietro l'angolo.

Continua la fine ingloriosa di due dei sistemi operativi mobili che non sono riusciti a resistere all'avvento di Android e iOS.