Internazionale

Regione, Musumeci: disavanzo di 5 miliardi e 900 milioni

Regione, Musumeci: disavanzo di 5 miliardi e 900 milioni

Lo dice Giuseppe Lupo, presidente del gruppo Pd all'Ars, a proposito delle dichiarazioni del presidente della Regione Nello Musumeci e dell'assessore all'Economia Gaetano Armao sui conti pubblici della Regione. Non sono stati trovati gli anelli programmatici su cui intervenire per ridurre il debito. Una ricognizione completa non è stata fatta ad esempio sulle società partecipate. "Ci muoviamo su un terreno minato".

Al di là del colore politico del governo nazionale, sottolinea Musumeci, "abbiamo trovato un interlocutore attento e disponibile", anche nel rivedere gli accordi finanziari sottoscritti nel 2014, e sui vincoli, ottenendo una proroga al 31 marzo 2018 riguardo alle sanzioni legate alla mancata presentazione del consuntivo 2016. Ma il contenimento della spesa pubblica non deve bloccare gli investimenti.

"Se il presidente Musumeci, almeno in questa fase, intende gestire in prima persona gli ambiti di competenza dell'assessorato all'Energia - conclude Lupo - ha il dovere di presentarsi in aula all'Ars già alla prossima seduta del 9 gennaio, ed esporre il suo programma". Il mio primo atto é stato proprio un incontro con i magistrati contabili. Ci sono irregolarità di forma, ci sono persone che quando hanno presentato la candidatura erano a Trezzano sul Naviglio e al loro posto un notaio presentava la candidatura ad Agrigento. La Sicilia attualmente produce 1.748.000 tonnellate l'anno di rifiuti indifferenziati che finiscono in discarica. La Regione siciliana al 31 dicembre del 2016 ha un patrimonio netto negativo di 7,6 miliardi di euro. RI teniamo, poi, che le pretese che scaturiscono dalla Statuto sono norme costituzionali e dunque non negoziabili e qualsiasi negoziato o accordo in questo senso é nullo.

Mattarella ci avverte che il futuro è una pagina bianca
Donne e uomini che, giorno dopo giorno, affrontano, con tenacia e con coraggio, le difficolta' della vita e cercano di superarle. Possiamo affrontarli con successo, facendo, ciascuno, interamente, la parte propria.

Per quanto riguarda le entrate nel 2017 si registrano.minori introiti per 255 milioni.

Sui termovalorizzatori ha infine concluso: "Non sono innamorato dei termovalorizzatori, ma non sono neanche un'integralista pronto a demonizzarli".

Secondo lo stesso Musumeci sarebbe opportuno adottare un piano dei rifiuti, così come potenziare la differenziata, trovare soluzioni finanziarie per gli Ato e ipotizza incentivi alle imprese che usano materiali riciclati: questo si può fare con poteri ordinari.