Finanza

Visite Fiscali, salta armonizzazione pubblico e privato

Visite Fiscali, salta armonizzazione pubblico e privato

Nonostante la riforma Madia del pubblico impiego prevedesse l'equiparazione delle fasce di reperibilità dei dipendenti in malattia tra pubblico e privato, il decreto attuativo della legge che entrerà in vigore il prossimo 13 gennaio non stabilisce più la "fascia unica" per le visite fiscali. E l'aspetto che più interessa i lavoratori in malattia riguarda senza dubbio le fasce di reperibilità, ossia gli orari durante i quali il lavoratore in malattia è soggetto a visita fiscale.

Tra i punti principali, c'è anche la preannunciata "cadenza sistematica e ripetitiva" dei controlli, "anche in prossimità delle giornate festive e di riposo settimanale".

Nel caso di assenza del dipendente durante gli orari della visita fiscale presso l'indirizzo di reperibilità fornito, il medico dell'Inps rilascerà apposito invito a visita ambulatoriale presso l'Ufficio medico legale dell'Inps competente per territorio per il primo giorno utile.

#JUVETORINO 2-0: i bianconeri conquistano la semifinale di Coppa Italia, affronteranno l'Atalanta
La partita in questo è bellissima, con entrambe le squadre che mantengono ritmi altissimi. Al 73' Dybala cerca la gloria personale ma il suo tiro di prima intenzione termina fuori.

Visite fiscali dipendenti pubblici 2018: è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto n. 206 del 17 ottobre 2017 con le novità, regole e orari di reperibilità per gli statali. Viene allora da chiedersi se si percorrerà la strada opposta, ovvero quella di aumentare gli orari a rischio di visita medico fiscale per i lavoratori privati. Il decreto nulla aggiunge sui dipendenti privati, per cui le finestre di reperibilità restano più corte (10-12 e 17-19). Fino ad ora qualcuno ha approfittato della situazione di scarso controllo, finendo così per pesare su colleghi e pubblico. Inoltre, dal 13 gennaio sarà l'ente statale a seguire tutta la disciplina delle visite. Il medico dovrà redigere il verbale contenente la valutazione relativa alla capacità o incapacità al lavoro riscontrata e trasmettere in tutto per via all'INPS. In questo caso dovrà darne tempestivamente comunicazione al datore di lavoro, il quale a sua volta dovrà avvisare l'INPS.

Nel caso di guarigione anticipata e per poter ritornare al lavoro in data anticipata rispetto a quanto previsto dal primo certificato medico, il dipendente statale dovrà richiedere obbligatoriamente un certificato sostitutivo.

DECRETO 17 ottobre 2017, n. 206 Regolamento recante modalità per lo svolgimento delle visite fiscali e per l'accertamento delle assenze dal servizio per malattia, nonché l'individuazione delle fasce orarie di reperibilità, ai sensi dell'articolo 55-septies, comma 5-bis, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.