Cultura

Quadri di Modigliani in mostra a Genova, la perizia: sono tutti falsi

Quadri di Modigliani in mostra a Genova, la perizia: sono tutti falsi

Secondo quanto emerso, i quadri di Amedeo Modigliani esposti a Palazzo Ducale sequestrati successivamente alle segnalazioni di Carlo Pepi, esperto del settore, sono tutti falsi. Il procuratore aggiunto Paolo D'Ovidio e il pm Michele Stagno hanno nominato la Fondazione Palazzo Ducale custode giudiziale delle opere.

Tutto era nato dai dubbi sull'autenticità sollevati da un collezionista d'arte toscano, Carlo Pepi, e dalle dichiarazioni di uno studioso d'arte, Marc Restellini, che aveva segnalato il caso alle autorità. L'Istituto conosce queste opere, si tratta di falsi, disponiamo di tutta la documentazione e prove scientifiche per confermarlo.

Gossip - Benvenuta Ginevra, Laura Freddi è diventata mamma
In molti conoscono la relazione risalente a 16 anni fa tra Laura Freddi e Daniele Bossari e i motivi della rottura. La neonata è stata accolta da un'ondata d'affetto non solo della famiglia ma anche di tutti i fan della show girl.

Genova - Sono arrivati i risultati della perizia disposta dal Tribunale di Genova ed affidata al perito Isabella Quattrocchi. Palazzo Ducale rende noto di essere "parte fortemente lesa" nella vicenda.

"In conseguenza del procedimento in corso e indipendentemente dalle sue evoluzioni e da come si concluderà, Palazzo Ducale ha subito consistenti danni d'immagine e materiali (e rischia di subirne ulteriori) e si configura esclusivamente come parte lesa - afferma ancora l'ente genovese -". Le indagini proseguono per capire in che modo siano state raccolte le opere e come siano confluite sulla mostra di Genova, per individuare le figure che hanno lavorato in questa situazione, anche in attesa delle risultanze delle rogatorie, anche all'estero, di cui si sono avvalsi gli inquirenti. "Capolavori dal Museo di Detroit", quarta mostra italiana per numero di visitatori nel 2016". Le altre due teste, anch'esse ripescate nel Fosso Reale, erano invece opera di tale Angelo Froglia, artista d'animo e portuale per necessità che affermò di non aver voluto fare uno scherzo ma creare un'operazione estetico-artistica finalizzata a un'accurata demistificazione del mito.