Internazionale

Addio Spelacchio, per lui un destino migliore?

Addio Spelacchio, per lui un destino migliore?

Questa pianta, infatti, è passata alla storia [VIDEO], nel bene e nel male.

Domenica 7 gennaio è stato l'ultimo giorno per Spelacchio, l'albero di Natale di piazza Venezia.

Ma un altro giallo circonda Spelacchio e il suo destino. E la cronaca dei giorni successivi lo ha dimostrato.

Nel 2015 - fa notare l'Anac - per due alberi da circa 22 metri da posizionare in due zone della città, tra cui piazza Venezia, l'affidamento del servizio di trasporto, posizionamento e successiva rimozione e smaltimento dei due alberi aveva un importo di partenza di 38 mila euro più oneri di sicurezza e Iva e se la aggiudicò la Ecofast con un ribasso intorno al 20%. Così ho letto che stamattina ci sarebbe stata una celebrazione per l'addio a Spelacchio con tutti i bambini (un'iniziativa dall'alto scopo educativo, mi complimento davvero!) e che proprio per questo gli addobbi sono stati erroneamente tolti martedì, per essere rimontati la sera stessa in vista di questa significativa e imperdibile cerimonia (e io pago!). L'albero alle 19 é stato spento.

Quadri di Modigliani in mostra a Genova, la perizia: sono tutti falsi
L'Istituto conosce queste opere, si tratta di falsi , disponiamo di tutta la documentazione e prove scientifiche per confermarlo. Genova - Sono arrivati i risultati della perizia disposta dal Tribunale di Genova ed affidata al perito Isabella Quattrocchi .

L'intenzione del Campidoglio è comunque regalargli una seconda vita, facendo presa sulla fama da lui conquistata come ricettacolo di messaggi e buoni auspici di romani e turisti da tutto il mondo. C'è anche chi pensa di piazzarlo dentro un museo, albero scheletrito, triste, "vittima" della imperizia umana. Antonio Brunori, segretario Pefc Italia (l'agenzia che certifica la sostenibilità del legno) ha ricordato "che il legno non muore, può avere diverse vite e Spelacchio lo dimostra". Una voltarealizzata la struttura sarà donata all'amministrazionecapitolina che nel frattempo realizzerà anche alcuni gadget conil legno restante dell'albero.

Ed è proprio questo l'unico punto dove non è stata indovinata fino in fondo la previsione di chi lo avrebbe collocato provocatoriamente al Pantheon, in quel tempio della Roma pagana che oggi ospita salme famose.

Chi pensava che Spelacchio sia passato a miglior vita, ormai dimenticato, rottamato e occultato in qualche imprecisata discarica della capitale, si deve ricredere.