Internazionale

Elezioni 2018, Di Maio: Grillo é la più grande risorsa che abbiamo

Elezioni 2018, Di Maio: Grillo é la più grande risorsa che abbiamo

Nei giorni scorsi è stato chiesto ai giudici del Tribunale di Genova di nominare un curatore per difendere gli interessi della prima associazione M5S, ovvero quella dei 9 anni fa. Luigi Di Maio, Casaleggio junior e le nuove regole di là. Grillo non potrebbe rappresentare gli interessi deiprimi associati, che non intendono trasmigrare nella terzaassociazione creata lo scorso 20 dicembre. I più attenti alle questioni interne del MoVimento ricorderanno infatti che il simbolo è da qualche anno in uso dell'associazione MoVimento 5 Stelle (prima era di Grillo e successivamente la proprietà è stata trasferita all'associazione del 2012).

Nel corso delle passate consultazioni elettorali del 2013 raggiunse un risultato che sorprese, oltre agli osservatori e ai sondaggisti, anche gli stessi attivisti del movimento. Grillo ha annunciato in diretta streaming il cambiamento di fisionomia del blog beppegrillo.it, con il blg delle stelle volto ad occuparsi di politica locale e internazionale, sottolineando la sua volontà di andare in giro per il mondo con video e conferenze. Intanto girano voci di un presunto addio al MoVimento.

Isola dei famosi 2018: Rosa Perrotta tra le concorrenti
Lo scorso luglio i due avevano parlato anche di possibili nozze nel corso di un'intervista con Novella 2000. Di matrimonio si è già cominciato a parlare ma naturalmente la coppia vuole compiere un passo alla volta.

Beppe Grillo dopo le elezioni 2018 lascerà il Movimento 5 Stelle?

Le stelle si riferiscono alle cinque tematiche fondamentali nel progetto politico del Movimento. Una caduta libera alla quale andrebbe progressivamente aggiunto lo scoramento di militanti e votanti e la perdita esponenziale di fiducia. Sulla base di calcoli ancora approssimativi i consensi dei cittadini orientati a votare per i candidati grillini si indirizzerebbero in prevalenza verso Liberi e Uguali e in parte alla Lega. Magari si trasformerà in una guerra, ora ha la forma di una marea: più che un'esplosione, è un discreto ritirarsi. Lo ha dichiarato il candidato premier M5s Luigi di Maio, in tour a Torino, a proposito delle indiscrezioni su Beppe Grillo, che Di Maio ha bollato come "fake news".