Finanza

Inps: nel 2017 le nuove pensioni aumentano a 516mila (+6%)

Inps: nel 2017 le nuove pensioni aumentano a 516mila (+6%)

Per i parasubordinati la pensione media è di appena 221 euro, in crescita di 23 euro dai 198 medi del 2016. Invece, per i parasubordinati la pensione media è di solo 221 euro. I lavoratori che godono delle pensioni più alte sono i dipendenti (1.293 euro), seguiti dagli artigiani (1.009 euro).

L'Inps ha quindi aggiornato i flussi riguardo alle pensioni.

Premier League, poker del Liverpool contro il Manchester City
Nella ripresa dominio Liverpool: prima Firmino , con un preciso tocco sotto, poi Manè con un sinistro potente sotto l'incrocio. Dopo venti vittorie e due sconfitte si interrompe la striscia di imbattibilità iniziale del Manchester City .

Roma, 14 gen. (AdnKronos) - La cura dimagrante applicata al sistema previdenziale sta dando i suoi frutti: nel 2016 i pensionati sono scesi a quota 16,1 milioni, contro i 16,8 milioni del 2008. Le pensionidegli autonomi liquidate nel 2017 sono state 191.403 (+10,6%) con un importo medio di 807 euro. Secondo i dati diffusi dall'Inps nel 2017 sono state 516mila le nuove pensioni con un incremento del 6% rispetto alle 486mila dell'anno precedente. In termini assoluti si tratta di 715.047 persone in meno, che corrisponde a una riduzione del 4,3%.

C'è comunque grande differenza anche tra le gestioni con 1.993 euro medi per le pensioni anticipate (per le quali sono necessari 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini, 41 anni e 10 mesi per le donne), in aumento rispetto ai 1.908 euro del 2016, e 687 euro medi per le pensioni di vecchiaia, in aumento rispetto ai 647 euro del 2016. I nuovi assegni erogati l'anno scorso in media erano pari a 1.039 euro. Dopo diversi mesi di incertezza, arriva finalmente una schiarita sui tempi di attivazione della riforma che consentirà ai lavoratori prossimi alla pensione di andare a riposo prendendo un prestito dalla banca, restituendo l'anticipo nell'arco di 20 anni ed accettando così un taglio dei trattamenti futuri che sono dell'ordine del 5% l'anno e che, con il massimo dell'anticipo, potranno arrivare a circa il 18%.