Tecnologia

Eclissi lunare del 31 gennaio 2018: diretta streaming Video

Eclissi lunare del 31 gennaio 2018: diretta streaming Video

Sarà anche possibile seguire l'evento dai siti internet www.astrofiliorione.it e www.ugoghione.it seguento il link "iniziative astronomiche" e "31 gennaio". Parlare semplicemente di eclissi lunare è riduttivo, in quanto l'eclissi totale del 31 gennaio 2018 riguarda una super luna blu.

Il fenomeno della Superluna si verifica quando il satellite naturale della Terra si trova al perigeo, il punto orbitale alla minima distanza dal pianeta (358.994 chilometri). Stavolta l'appuntamento è fissato per la sera del 31 gennaio con quella che gli astronomi definiscono il fenomeno 'super Luna blu di sangue'.

Incrociamo le dita dunque, puntiamo gli occhi al cielo e chiudiamo in bellezza questo primo mese dell'anno all'insegna degli astri e dei loro più affascinanti spettacoli.

La prima Luna di questo tipo si era verificata il 1 gennaio.

Mal'aria 2018: scopri quanto è inquinata la tua città
Molto vicine al record negativo anche Asti (Baussano) con 98 giorni e Milano (Senato) con le sue 97 giornate oltre il limite. Le peggiori sono Catanzaro con 111 superamenti , Varese (82), Bergamo (80), Lecco (78), Monza (78) e Mantova (77).

Con l'eclissi totale della Luna Blu si concluderà anche il ciclo di tre Super Lune consecutive, evento iniziato la sera 3 dicembre 2017 e proseguito con la notte di Capodanno. "Blue Moon, è un detto popolare che deriva dall'espressione 'once in a blu moon' - una volta ogni luna blu -, per indicare un evento raro", ha spiegato Volpini. La luce blu è la più colpita: in altre parole l'atmosfera filtra la maggior parte della luce blu, facendo passare solo la componente arancione e rossa, che viene successivamente proiettata sulla Luna.

I fortunati che potranno godersi l'interno evento, dall'inizio alla fine, saranno gli abitanti in Alaska, Hawaii e il nod-ovest del Canada. La prossima eclissi totale arriverà il 27 luglio e sarà visibile anche dall'Europa oltre che da America del Sud, Africa, Asia e Australia.

Il commento, per entrambi gli eventi, sarà a cura dell'astrofisico Gianluca Masi, Responsabile del Virtual Telescope Project.