Internazionale

Sparatoria Macerata: Traini portato nel carcere di Montacuto

Sparatoria Macerata: Traini portato nel carcere di Montacuto

Ed è la seconda volta che un'accusa simile viene formulata in Italia: il precedente risale al processo iniziato nel 2009 per la strage compiuta a Castel Volturno il 18 settembre 2008. È quanto emerge dalle indagini condotte dai carabinieri coordinati dalla procura guidata da Giovanni Giorgio. I militari depositeranno domani un'informativa alla procura. Per miracolo non ci sono morti. "La linea difensiva sarà di sicuro quella della incapacità di intendere e volere al momento del fatto". Traini agli inquirenti avrebbe detto di aver agito in seguito al delitto di Pamela Mastropietro, la ragazza di 18 anni, originaria di Roma che si era allontanata dalla comunità Pars di Corridonia e il cui corpo è stato trovato senza vita nelle campagne di Pollenza. "Sono tornato indietro ho aperto la cassaforte e ho preso la pistola".

Traini intanto, è stato trasferito nel carcere anconetano di Montacuto, lo stesso dove è rinchiuso Innocent Oseghale, il nigeriano presunto assassino di Pamela Mastropietro. Tra Traini e Pamela non sono tuttavia emersi rapporti diretti di alcun tipo. "È tenuto accuratamente lontano anche da altri detenuti di colore" dicono dal carcere. Nell'udienza di convalida del suo arresto l'uomo, accusato di omicidio e vilipendio di cadavere, è rimasto in silenzio, non ha risposto alle domande e alla fine il gip ha deciso che deve restare in carcere. Sequestrati anche i computer dell'uomo. Poi il raid razzista. Nell'auto trovati molti proiettili. E' infatti ancora troppo alto il pericolo che uno dei due possa dare in escandescenze o, in generale, richiamare gli agenti ad un'azione di contenimento.

Mercato: Aubameyang ha detto si all'Arsenal
Il bilancio di Aubameyang con il Borussia Dortmund è di 213 presenze, 172 gol e 36 assist. La registrazione deve essere completata al massimo entro il 1 febbraio 2018 (24.00CET).

"La violenza è sempre da condannare - aggiunge poi Salvini a "la Repubblica - Chi spara va in galera senza attenuanti. Quando si presentano, noi li curiamo e non chiediamo i documenti". L'unica donna del gruppo è ricoverata in ortopedia, con una frattura alla spalla e dovrà essere operata. "Più che parlare del gesto mi interessava parlare con lui". I feriti sono arrivati all'ospedale in tempi diversi: l'ultimo, un giovane del Mali, intorno alle 15.