Finanza

Gli americani vogliono comprare i treni Italo: maxi offerta da Fondo Usa

Gli americani vogliono comprare i treni Italo: maxi offerta da Fondo Usa

Una proposta nella quale è stato specificato che Italo passerà al fondo nella formula del tutto compreso: ciò significa che, assieme al capitale, anche il debito di 400 milioni andrà oltreoceano. Il contratto dovrà avere comunque il via libera dell'Antitrust europeo, e l'accordo tra Italo-Ntv e Gip ne prevede la firma entro l'11 di febbraio.

Il consiglio di amministrazione di Italo, convocato oggi alle 15,00 a Roma dopo l'offerta di acquisto da 1,9 miliardi presentata dal fondo Global Infrastructure Partners (GIP), rimarrà aperto fino a domani per decidere in tempo utile, secondo una fonte a conoscenza della situazione. Il fondo americano si è contraddistinto nel panorama internazionale per essere una società con una politica di investimenti molto mirata. A sostegno della scelta di proseguire la strada verso la quotazione in Borsa di Italo sono scesi in campo due ministri di peso del Governo, Pier Carlo Padoan e Carlo Calenda. Accettata l'offerta, inoltre, è previsto che gli azionisti incassino il dividendo di 30 milioni deliberato dall'assemblea societaria. Sul tavolo dei vertici della società di trasporto ferroviario conosciuta per i treni Italo, infatti, è arrivata improvvisamente una mega-proposta senza precedenti da parte del fondo americanoGlobal Infrastructure Partners che già gestisce altri asset industriali in giro per il mondo. "Alla miglior valorizzazione possibile si chiude l'operazione". In più, per gli attuali azionisti è prevista la possibilità di reinvestire fino a un massimo del 25% dei proventi in arrivo dalle vendite delle quote.

Di Maio a Renzi: "Non candidare gli impresentabili", la replica: "Bassezze"
Al cinema Aurora di Scandicci (Firenze) Matteo Renzi ha aperto la sua campagna elettorale nel collegio uninominale del Senato. Naturalmente anche per gli autonomi verrà inserita una soglia di reddito , sopra la quale non si avrà diritto al bonus.

A Luca Cordero di Montezemolo, Presidente della compagnia italiana, e a Flavio Cattaneo, Amministratore Delegato della stessa, sono stati offerti ben 1,9 miliardi di euro da Gip per acquistare l'azienda di trasporti. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità.