Finanza

Aeroporto: Ryanair lancia due nuove rotte estive per Crotone

Aeroporto: Ryanair lancia due nuove rotte estive per Crotone

Ma i voli Ryanair non diminuiscono di certo.

I collegamenti sono stati presentati nell'ambito del lancio di 37 nuove rotte dall'Italia che permetteranno di trasportare un totale di 39 milioni di passeggeri all'anno in 29 aeroporti italiani, con una crescita del 5%.

Il Ceo Micheal O'Leary parla della "più grande programmazione di sempre dall'Italia". La notizia é di questa mattina, nel corso di una conferenza stampa a Roma.

La prossima estate Trapani Birgi non tornerà ad essere base operativa di Ryanair. Non ci risultano, invece, nuove rotte dall'aeroporto di Comiso.

Emily Ratajkowski low cost, l'abito da sposa color mostarda acquistato da Zara
Il primo avvistamento con Sebastian risale al giorno di San Valentino: una cena romantica a lume di candela a Los Angeles. Emily Ratajkowski e Sebastian Bear-McClard si frequentano da appena qualche settimana (almeno ufficialmente).

Sono previste anche altre novitá sui voli aeroporto Crotone e non solo.

Da Pisa voli verso Praga e Danzica, da Palermo verso Colonia e Valencia, da Catania Marrakesh e Siviglia, da Bari Dublino. La compagnia irlandese non opererà quest'estate a seguito dell'annullamento del bando di gara per la promozione delle rotte. "Poi in base ai risultati del bando potremo riattivare le rotte", ha aggiunto il ceo di Ryanair, che conta di riaprire la base "forse nell'estate 2019". "Sono moderatamente ottimista", ha detto Paolo Angius, neo presidente del CdA della società che gestisce lo scalo Trapanese.

"I tre aeromobili basati a Trapani la scorsa estate - precisa la compagnia guidata da Michael O'Leary - saranno ricollocati in altre destinazioni del network e, purtroppo, questo si tradurrà nella perdita di 18 rotte, circa 1,1 milioni di passeggeri all'anno e 820 posti di lavoro in loco". "Abbiamo fatto la nostra parte - conclude Orrù - così non possiamo dire di altre forze politiche che, già dopo pochi mesi, stanno dimostrando di non essere all'altezza dei compiti a cui sono chiamati".