Internazionale

Matteo Salvini chiede il governo politico e apre al Pd

Matteo Salvini chiede il governo politico e apre al Pd

"Tra l'altro Andria e Barletta, hanno lo stesso identico risultato per i cinque stelle, a dimostrazione che il consenso palesato dai grillini andriesi non sia espressione di un loro effettivo merito o di una bocciatura dell'Amministrazione" - commenta il consigliere comunale andriese Benedetto Miscioscia (Noi Con Salvini).

Intanto un richiamo al senso di responsabilità della classe politica arriva proprio dall'inquilino del Colle: "Le donne parlamentari hanno, spesso, all'occorrenza, saputo intendersi; e operare, impegnarsi, battersi insieme. La Lega non si nasconda dietro a pretesti e costruisca le condizioni per un governo con chi ha i suoi stessi programmi e toni" ha detto l'ex-capogruppo Pd alla Camera Ettore Rosato interpellato sulla linea del partito rispetto alle parole di Salvini. Una menzione speciale va al mio paese di origine San Roberto che con 112 voti ed il 15,62 credo sia il paese con la più alta percentuale o uno dei primi della Calabria. Per il leader del Carroccio la strada da seguire è quindi quella di un esecutivo politico.

Il possibile ritorno alle urne?

L'abolizione della Legge Fornero, l'individuazione più equa dell'imposizione fiscale, la regolamentazione dell'indiscriminato afflusso di clandestini da non confondere con i profughi, ecc. sono stati accolti da una parte dell'elettorato ortonese.

Di Maio: inizia la Terza Repubblica e sarà quella dei cittadini italiani
Ma non sarà facile, anche perché i riti bizantini da Prima Repubblica non funzionano nell'epoca dei tweet a getto continuo. Ma, va aggiunto, qualche lieve variazione sul copione c'è stata.

Le proiezioni sui seggi fatte da YouTrend confermano che nessun partito né coalizione ha i numeri per una maggioranza parlamentare in grado di sostenere un governo. "Avevamo gia' proposto il premio di maggioranza - ha ricordato - Il Mattarellum avrebbe dato un esito piu' certo di queste elezioni". E per sgombrare il campo dalle insinuazioni su quella che per molti è la sua vera strategia: far fallire ogni trattativa per andare nuovamente a votare in tempi brevi. "Io da sempre sono fautore di una forza unitaria, ma se gli alleati non fossero d'accordo dovremo comunque organizzarci e costruire noi una nuova forza moderata". Su alcuni punti vedremo chi ci da' una mano a portarli avanti e chi invece dice di no a prescindere. "Non è della gente che chiede assistenza" aggiunge.

Rincarando la dose, ha poi sottolineato: "Faremo l'esatto contrario di quello che qualche burocrate vorrebbe". E forse anche per questo Sergio Mattarella ha invitato i partiti a essere responsabili. Noi faremo le nostre proposte. "Io non parto da nomi e cognomi ma dalla scelta degli italiani di domenica".

Una manovra "alternativa", con "meno tasse".

Matteo Salvini sfida l'Europa e rilancia su provvedimenti economici post Elezioni: "manovra con meno tasse, a Bruxelles saranno contenti".