Internazionale

Firenze, migliaia a corteo antirazzista per Ivy

Firenze, migliaia a corteo antirazzista per Ivy

La denuncia dell'associazione senegalese è dura: hanno sostenuto che molti di quelli che hanno fatto rumore e hanno messo a soqquadro il centro storico 'venivano da fuori, non erano conosciuti, e sono stati aizzati dai centri sociali'. Nel biglietto a lei destinato sono contenute delle istruzioni per delle operazioni bancarie da fare in sua assenza, come ritirare tutti i soldi dal conto per evitare che i creditori ne entrassero in possesso.

"Vi invitiamo - si legge nella nota - a marciare pacificamente con noi e riaffermare che siamo uniti nel dire basta ad una violenza omicida che, non solo getta famiglie nella sofferenze, disperazione e paura, ma mina anche la coesione nelle nostre città". Il corteo partirà domani alle 15 da piazza Santa Maria Novella.

Sullo striscione a capo del corteo la scritta: "Stop razzismo fascismo e assassini". Per questo diciamo a tutti: "fermatevi!" dichiarano i senegalesi coinvolti.

Idy Diene è stato ucciso mentre camminava sul ponte Amerigo Vespucci, a Firenze.

Mazzarri: "Con la Roma voglio un Torino quadrato. E risposte dal Gallo "
Il forfait in extremis di Obi e Ljajic riduce ulteriormente il ventaglio di scelte di Mazzarri in vista della trasferta di Roma . Voglio vedere risposte da lui ma da tutti.

L'autopsia sul cadavere del senegalese Diene eseguita dell'Istituto di medicina legale ha rivelato che è stato ucciso da tre spari: i primi due colpi di pistola hanno colpito la spalla e il torace, il terzo la testa. Viveva a Pontedera e faceva l'ambulante a Firenze e l'altro ieri, quando è stato ucciso da uno psicopatico-demente, era in giro a vendere ombrelli.

Secondo quanto emerso dai successivi accertamenti l'omicida voleva suicidarsi per problemi legati alla sua situazione economica, ma non ha trovato il coraggio e ha finito per uccidere un uomo a caso, a colpi di pistola.

Ambulanti e umili lavoratori non hanno avuto dubbi sull'opportunità di versare una piccola quota tutti insieme così da prendere le distanze da quei pochi che hanno trasformato una sacrosanta protesta scaturita dal dolore dell'assurda uccisione di Diene in atti di distruzione e danneggiamento della cosa pubblica. Aveva 54 anni e ogni giorno faceva il pendolare da Pontedera, in provincia di Pisa, dove viveva, fino a Firenze, dove lavorava. "Esattamente come quello che ci fu nel 2011, dopo la morte di Samb Modou e Diop Mor", uccisi a Firenze da Gianluca Casseri, simpatizzante di estrema destra, che poi si suicidò. Ma al suo arrivo al corteo sono diversi i momenti di tensione: Nardella viene contestato dai partecipanti al corteo, ma il primo cittadino - soddisfatto per l'alta partecipazione - commenta: "Firenze dimostra di essere una città aperta, soprattutto rispettosa della vita umana". Invece è stata una manifestazione tranquilla, con gli slogan per la pace, i "diritti senza confini" e per Idy Diene.