Internazionale

Orologi in ritardo di 6 minuti, colpa di Kosovo e Serbia

Orologi in ritardo di 6 minuti, colpa di Kosovo e Serbia

Tutti gli orologi elettrici presenti in Europa hanno 6 minuti di ritardo. Per capire come sia possibile bisogna fare un passo indietro: a partire dalla metà di gennaio, tutti gli orologi elettronici il cui funzionamento dipende direttamente dalla rete elettrica - ad esempio quelli dei forni a microonde, e i timer dei termosifoni - vanno a rilento. Per la precisione: in queste settimane hanno perso 6 minuti.

Secondo la lobby europea delle reti elettriche Entso-E, si stanno verificando sprechi di energia un po' ovunque in Europa (anche in alcune parti d'Italia), in quanto "gli orologi elettrici controllati a distanza sono di fatto comandati dalle frequenze dei sistemi elettrici nazionali, e non da un unico sistema di calcolo dell'ora basato su meccanismi con cristalli a quarzo". La frequenza di oscillazione è di circa 50 Hz. Se quel dato resta all'interno di una "forchetta" di tolleranza, tutto funziona regolarmente.

Europa League, Milan-Arsenal: come seguirla in Tv e in streaming
L'Arsenal viene da un momento difficile ma ha enorme qualità, noi abbiamo sbagliato troppo. Le due squadre si sono incontrate tre volte.

Il Kosovo ha riconosciuto di non aver generato l'energia elettrica necessaria, ma ha detto che i consumatori non hanno pagato la loro elettricità, causando un notevole onere finanziario per l'azienda elettrica del paese. La catena di immobilismi e accuse incrociate ha avuto come effetto quello di modificare la frequenza dell'elettricità - e dunque di rallentare gli orologi dell'intero Continente.

"Dal momento che il sistema europeo è interconnesso, quando c'è uno squilibrio in un paese la frequenza cala leggermente", ha spiegato Claire Camus, portavoce dell'European Network of Transmission System Operators for Electricity (ENTSO-E). Il problema è talmente serio che lo stesso Entsoe ha chiesto di promuovere una soluzione politica per arginare i disagi. Che sottolinea comunque come occorre che nel sistema venga riversata energia in eccesso, per poter ritrovare l'equilibrio perduto.