Finanza

Fisco, quasi un italiano su due dichiara meno di 15.000 euro all'anno

Fisco, quasi un italiano su due dichiara meno di 15.000 euro all'anno

Secondo i dati delle dichiarazioni Irpef 2016, presentate lo scorso anno, il reddito complessivo dichiarato dagli italiani è stato pari a 845 miliardi, appena 10 in più sul 2015, mentre l'imposta netta versata è stata di 156 miliardi, come nel 2015. Il Mef sottolinea anche come più di dieci milioni di soggetti hanno un'imposta pari a zero, poiché i loro redditi - in quasi tutti i casi - rientrano nelle soglie di esenzione. Nella fascia tra 15 e 50.000 euro si colloca invece il 50% dei contribuenti che versa il 57% dell'Irpef. A dichiarare più di 100.000 euro, invece, è poco più dell'1% dei contribuenti, di cui solo lo 0,1% supera i 300.000 euro.

Oltre 1,7 milioni di lavoratori dipendenti, questa volta, hanno dovuto restituire tutto o parte del bonus degli 80 euro (902.000 soggetti hanno dichiarato una restituzione integrale per un ammontare di 370 milioni), ma 1,1 milioni hanno ottenuto anche la restituzione di ritenute Irpef per 735 milioni di euro. Un problema che ha riguardato poco più di 1 milione e 700mila persone per un importo totale di circa 480mila euro (con una media di 280 euro).

NUMERO CONTRIBUENTI E IMPOSTA NETTA: 40,9 milioni, in aumento di 100.000 soggetti (+0,25% rispetto all'anno precedente). Al netto degli effetti del bonus 80 euro, l'imposta netta Irpef è pari in media a 5.070 euro.

I redditi da lavoro dipendente e da pensione rappresentano circa l'82% del reddito dichiarato complessivamente.

Google Home: in arrivo in Italia l'assistente virtuale tuttofare. Ecco come funziona…
Basato sull'Assistente Google, Home Mini non potrà funzionare qualora venga connesso a Internet tramite la rete Wi-fi di casa. Infine c'è un 40% di intervistati che sfrutterebbe Google Home o chi per lui per farsi aiutare in cucina.

Analizzando la distribuzione dell'imposta per classi di reddito complessivo si evidenzia che i contribuenti con redditi fino a 35.000 euro (84% del totale contribuenti con imposta netta) dichiarano il 44,8% dell'imposta netta totale, mentre il restante 55,2% dell'imposta netta totale è dichiarata dai contribuenti con redditi superiori a 35.000 euro (16% del totale dei contribuenti). Nello specifico, quello da pensione equivale a circa il 30% del totale del reddito.

Il reddito medio sale e sfiora i 21.000 euro.

L'addizionale regionale media varia dal minimo di 270 euro in Sardegna e Basilicata al massimo di 640 euro nel Lazio, mentre l'addizionale comunale media varia dal minimo di 60 euro nella provincia autonoma di Bolzano al massimo di 250 euro nel Lazio. Nel caso dei ricercatori il reddito medio di 153.700 è anche 7 volte maggiore del reddito medio da lavoro dipendente.