Sportivo

Chievo, Maran protesta: "Prima del 2-1 c'era fallo per noi!"

Chievo, Maran protesta:

Clamorosa rimonta della squadra di Sarri, che fra l'89' e il 93' ribalta una gara che stava perdendo. Non ci è piaciuta la polemica e il gesto verso il pubblico. Stavamo subendo una ingiustizia in questa partita, la squadra ha fatto bene e macinato fino alla fine. Oggi Il pubblico ci ha dato una grande mano, sul finale ci ha praticamente vinto la partita.

Rolando Maran vuole chiudere i conti con la salvezza, e per farlo cercherà di uscire da un periodo complicato e fare punti al San Paolo, dopo aver sprecato la possibilità di vincere contro il Sassuolo. Dal dischetto Mertens, Sorrentino indovina la traiettoria e respinge. Ci sta, fa parte dell'ordine delle cose in un campionato così lungo. E gli uomini della Svolta, in una squadra che si recita quasi sempre come quelle che andavano dall'uno all'undici, sono stati due "panchinari": Milik e Diawara. "Non era semplice con questo caldo". E' lui che scuote il torpore di un serpeggiante e afoso tiki taka, pennellando alla sua maniera per Callejon col più classico dei lanci sinistra-destra: lo spagnolo arriva col piedino, ma da pochi passi spara a salve abbondantemente oltre la traversa.

"Dopo il mio gol ci abbiamo creduto di più, ma sapevamo sarebbe stata una partita dura", ha continuato Milik a Premium Sport. Abbiamo fatto di tutto per vincere, ora dobbiamo guardare alle prossime partite. Dedico la rete a mia madre, che è morta un anno prima che io venissi in Italia. Recupera qualche pallone importante ma non garantisce la solita dinamicità in mezzo. Mi hanno fatto i complimenti tutti i compagni, il mister, il direttore, tutto lo staff e sono contento di questo. "Porterò una torta nello spogliatoio.". L'urlo del San Paolo è rimandato 60 secondi dopo, quando Diawara, sugli sviluppi dell'ultimo calcio d'angolo, trova, con un destro a giro, l'angolo giusto per sorprendere l'estremo difensore ospite.

GP del Bahrain, Qualifiche: Pole per Vettel
Terza fila con il francese della Toro Rosso Pierre Gasly (1'29 "329) e il danese della scuderia Haas Kevin Magnussen (1'29" 358). La scuderia di Faenza motorizzata Honda sembra fare progressi e si dimostra capace di prestazioni interessanti.

Tre sconfitte di fila e una zona B che si avvicina a ritmo da cavalleria per il Cagliari di Diego Lopez. Le occasioni così sono sporadiche e mai realmente insidiose.

Diawara 7: come trasformare una giornata altrimenti anonima, dove svolge seppur bene il compitino, in una gara esaltante pescando il jolly da 3 punti e ribadendo di meritare più spazio.