Sportivo

Roma, De Rossi: "Fatto qualcosa di straordinario"

Roma, De Rossi:

Ma questa Roma guidata da Eusebio Di Francesco è capace di tutto. E attaccarlo: dentro Cengiz Ünder per Schick (più che utile nel far concentrare Džeko su meno cose da fare, come nello spezzone di sabato scorso) e Stephan El Shaarawy per Nainggolan, con l'obiettivo di pareggiare ora anche numericamente il discorso sugli esterni. Una squadra capace soprattutto di ribaltare in maniera leggendaria l'immeritato 1-4 subito a Barcellona. Francesco Totti l'ha vissuta palpitando da dirigente in tribuna, con Antonio Cassano al fianco, ma può sempre vantarsi di aver vinto uno storico scudetto in giallorosso. Così Daniele De Rossi dopo il 3-0 alBarcellona che porta la Roma in semifinale di Champions.

Tante, troppe volte ci siamo ripetuti questa frase con la speranza che diventasse una realtà sulla quale gioire. Ed invece la Roma è riuscita dove in pochi pensavano potesse arrivare. I complimenti famosi all'impresa giallorossa e l'ironia a commento del risultato. Le punte sono Messi e Suarez, Sergi Roberto avanzato a destra al posto di Dembelé.

La rimonta della Roma ai danni del Barcellona è già nella storia. Poi, al 32', è ancora Schick ad avere la palla buona, ma stavolta Piqué salva in scivolata. E' il 6' quando De Rossi verticalizza verso Dzeko che scatta fra i due centrali e batte Ter Stegen. E il Barcellona? Inerme, quasi addormentato, sicuramente stordito dall'aggressività giallorossa. All'andata sembravano più forti ma non così tanto. Sono contento di poter guardare il sorteggio e vedere la mia Roma là.

Genoa, Ballardini a Raisport: "La vedo dura per Juve e Roma"
Prima frazione di gara piuttosto bloccata e avara di occasioni da gol ma giocata comunque su ritmi intensi come da previsione. La Samp gestisce il gioco, sempre senza trovare i varchi, ma si propone maggiormente nella trequarti avversaria.

Poi però arriva l'ansia, perché sul dischetto va De Rossi che è più romanista di noi e allora un pensierino sul solito finale tragico ce lo fai.

Se Manolas piange in panchina, sono tantissimi i tifosi sugli spalti dello Stadio Olimpico che lo imitano. Lacrime al fischio finale? "Abbiamo meritato di essere qui". La 'remuntada' è servita, in una notte che resterà negli annali del calcio italiano.