Sportivo

F1, Gp Cina: la presentazione

F1, Gp Cina: la presentazione

A sorpresa, la Ferrari si presenta come la monoposto da battere, dopo le vittoria in Australia e in Bahrain, entrambe battezzate da #Sebastian Vettel.

NON SONO AFFARI VOSTRI Per quanto riguarda, invece, ciò che è successo al pit-stop nel GP del Bahrain, Raikkonen ha voluto zittire in anticipo la stampa: "Non c'è nulla che avrei potuto fare diversamente per evitare quello che è accaduto in Bahrain".

Sono queste le sensazioni di Sebastian Vettel ai microfoni di Sky Sport in vista del Gran Premio della Cina. Hamilton ha poi aggiunto che è necessario migliorare lacomunicazione in gara tra i piloti e il team dopo quantoaccaduto nelle prime due gare del campionato: "Ci siederemo ediscuteremo sulle ultime due gare. La Casa milanese sta puntando a soluzioni più morbide per cui è facile prevedere che il record di Lewis Hamilton con la Mercedes W08 in 1'31" 678 ottenuto in qualifica l'anno scorso sia destinato a crollare. Solo che a me è andata male.

Juventus, Buffon rosso di rabbia. Il sogno e poi l'addio all'Europa
Come i giallorossi, con lo stesso copione scritto da un gol lampo all'inizio. Un altro miracolo dopo quello della Roma contro il Barcellona .

L'ERS vale fino a 2" 4 per giro, corrispondenti a 19 km/h di velocità massima alla speed trap: "in Cina la MGU-K può recuperare fino a 730 kJ per giro, mentre la MGU-H arriva fino a 3.350 KJ per giro per un totale di 4.080 KJ energia elettrica recuperata in una tornata. Conterà essere perfetti in ogni aspetto, anche nella prestazione di entrambi i piloti, visto che finora nessuna squadra è riuscita a centrare una doppietta. Capitolo gomme L'utilizzo dei pneumatici ovviamente sarà fondamentale per far bene a Shanghai. Il circuito "Shang" in cinese significa "sopra" o "salire", ed ha ispirato sia il nome della città cinese, Shanghai, sia la forma del circuito di Shanghai, il cui disegno prende spunto proprio dal carattere cinese "shang".

E a guardare avanti è anche il campione del mondo Hamilton che già dalla Cina spera di invertire la tendenza rispetto alle ultime due gare: "Quella di Shangai è sempre stata una buona pista, spero davvero di poter risalire e tornare nelle posizioni per le quali abbiamo lavorato nelle ultime due gare. Sono corse e vanno così, non capisco tutto questo interesse per questo contatto".

La vittoria manca agli uomini in rosso su questa pista dai tempi di Alonso, che continua ad annaspare con una McLaren ancora troppo brutta per essere vera, e battuta anche dalla Toro Rosso ora motorizzata Honda.