Internazionale

Treni, sabotaggi su linee Verona-Brennero e Valsugana

Treni, sabotaggi su linee Verona-Brennero e Valsugana

Poco dopo le tre e mezzo di questa mattina, le linee ferroviarie della Valsugana e del Brennero sono state oggetto di due presunti atti di sabotaggio.

In particolare, nella galleria Albi di Civezzano della ferrovia della Valsugana, ignoti hanno manomesso i sensori paramassii mentre nel tratto all'altezza di Lavis della linea del Brennero è stato compromesso, probabilmente con liquido infiammabile, il pozzetto che ospita le apparecchiature di monitoraggio della distanza tra i convogli. Dopo i due presunti atti di sabotaggio, la linea del Brennero è stata ridotta ad un solo binario nel tratto tra le stazioni di Mezzocorona e Trento, così come il traffico ferroviario e stato ridotto - considerato che la linea non ha subito danni diretti - lungo la Valsugana.

F. Chiesa: "Ci crediamo all'Europa. Ci aspettano due gare difficilissime"
Aspettando la decisiva volata finale che la vedrà impegnata domenica al Franchi contro il Cagliari. "Davanti a noi abbiamo due partite molto complicate ma come sempre daremo tutto in campo".

"Ottimo il funzionamento delle previste procedure di emergenza e grazie a tutti quelli che stanno lavorando per limitare i disagi agli utenti" commenta il presidente della Provincia autonoma di Trento Ugo Rossi, condannando fermamente il gesto che, per ora, non ha avuto rivendicazioni. "Questi episodi, che sappiano non essere per nulla sottovalutati dalle forze dell'ordine che stanno compiendo una silenziosa opera di protezione degli accorsi alla meravigliosa Adunata di Pace a Trento, devono però imporre una reazione corale ed unitaria di tutto il mondo civile con la richiesta di applicazione delle misure più severe che la legge prevede verso questi provocatori che sono facilmente individuabili nei soliti circoli di comunisti e anarchici trentini". Il traffico ferroviario - sottolinea la provincia - non è mai rimasto bloccato.

I due incendi seguono altri episodi avvenuti nei giorni scorsi in città: due notti fa sono state prese a sassate le vetrine di un negozio che vende prodotti ufficiali dell'adunata e nei giorni precedenti erano comparse su dei muri del centro cittadino delle scritte ingiuriose contro gli alpini. Al momento i treni viaggiano con circa 10 minuti di ritardo. Nel frattempo i treni continueranno a transitare ma a regime ridotto: due convogli ad ora per ogni direzione, in modo da garantire la fluidità della circolazione anche ai treni Freccia. "Questo conferma la validità del piano messo in atto per l'Adunata degli Alpini". Nel contempo i tecnici addetti alla riparazione della linea sono giunti sul luogo per effettuare le riparazioni e permettere ai treni di tornare alla normale circolazione.