Internazionale

Caltanissetta, arrestato per associazione a delinquere Montante, paladino dell'antimafia

Caltanissetta, arrestato per associazione a delinquere Montante, paladino dell'antimafia

E che avrebbe, tra l'altro, cercato notizie sull'indagine che è aperta da anni a suo carico a Caltanissetta.

L'indagine è coordinata dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia. Nega l'imprenditore - ai domiciliari con l'accusa di avere creato e foraggiato una rete di 'talpe' in grado di spiare indagini e investigatori - l'attendibilita' dei pentiti che lo accusano di mafia e dei suoi ex amici Marco Venturi e Alfonso Cicero, ora i grandi accusatori.

I provvedimenti di lunedìGli inquirenti ritengono che l'imprenditore fosse promotore di un sistema di spionaggio illecito.

Calciomercato Inter: depositato Contratto De Vrij
A Roma è arrivato nel 2014 e con i biancocelesti ha vinto una Supercoppa italiana nel 2017. "Rinnovo con la Lazio? ". La qualificazione in Champions determinerà poi le altre mosse sul mercato.

All'inizio del 2015, quando iniziarono le prime indagini su di lui per mafia, si autosospese dal consiglio direttivo dell'Agenzia nazionale per i beni confiscati "per profondo rispetto di tutte le istituzioni". In quella circostanza furono trovati in una "stanza segreta" dossier e documentazioni che riguardavano anche politici e magistrati. Ma l'avviso di garanzia ricevuto a gennaio 2016 aveva gettato più di un'ombra sul suo operato. Il giudice fa però una puntualizzazione, "per sgombrare il campo da possibili equivoci": "non sono emersi allo stato concreti elementi per poter ipotizzare, in relazione ai soggetti che risultano essersi rivolti a Montante per chiedere l'elargizione di favori, l'esistenza di una contropartita in grado di colorare i rapporti di che trattasi in maniera rilevante da un punto di vista penale". Che, intanto, ha continuato a sostenere: "I pentiti che mi accusano sono mafiosi che ho contribuito a colpire duramente con le mie denunce". Sospeso per un anno Salvatore Graceffa, vice sovrintendente della polizia a Palermo. "Quaranta persone sono state oggetto di dossieraggio, attraverso l'acquisizione di dati sensibili", ha detto in conferenza stampa il procuratore capo di Caltanissetta Amedeo Bertone.

Montante si divideva tra Caltanissetta, Roma e Milano dove ha degli interessi economici. Nella stessa inchiesta ci sarebbero anche 22 indagati, non raggiunti da alcuni provvedimento, accusati di aver fatto parte della catena delle fughe di notizie: tra loro anche l'ex presidente del Senato Renato Schifani e alcuni vertici dell'Aisi. Attualmente presidente della Camera di Commercio di Caltanissetta e numero uno di Retimpresa Servizi srl di Confindustria Nazionale. Indagati anche il professore Angelo Cuva e Maurizio Bernava.