Sportivo

Milano- Cantù, la sfida delle regine

Milano- Cantù, la sfida delle regine

Le schiacciate di Tarczewski e Pascolo (con un coast to coast che incendia il Forum) e la quarta tripla di Bertans rimettono le cose a posto: l'Olimpia riallunga (al 31° è 70-55) e controlla il match, malgrado Cantù provi a crederci sino alla fine - trascinata da Culpepper (24 punti). Milano invece si gode la vittoria arrivata grazie ad una prestazione solida su entrambi i lati del campo: i migliori sono Bertans (16 punti), Tarczewski (12 punti e 9 rimbalzi), Kuzminskas (15 punti) e il solito Micov (13 punti e 6 rimbalzi). Da quel momento non c'è più storia: il primo quarto si chiude sul 24-17, nel secondo il vantaggio cresce fino a toccare il +25 con Cantù che sembra oramai pronta alla resa. Questa sera, -ha detto- nei primi 10 minuti abbiamo speso due falli ed in questa serie è quello che ci sta mancando, a livello di aggressività. Cantù dura pochissimo e si illude solo in apertura fino al 15-15, poi la squadra di Pianigiani mette la freccia grazie anche a uno straordinario Jerrells. I miei giocatori hanno giocato tantissime partite per tantissimi minuti, ogni tanto si vede qualcuno appesantito e sulle gambe, però siamo sempre stati comunque una squadra con orgoglio.

Cantù è una squadra che può abbassarsi notevolmente, con Jeremy Chappell impiegato anche da 4 o Charles Thomas da 5, ma conta molto sulla potenza di fuoco di Jaime Smith e Randy Culpepper, quest'ultimo quarto realizzatore della Seria A. L'Olimpia però ha un Andrew Goudelock da 19.6 di media nelle ultime cinque partite giocate oltre il 42% nel tiro da tre e un Vlado Micov con cifre da MVP del campionato nel girone di ritorno. Non possiamo permetterci un blackout come quello tra il primo e il secondo quarto, altrimenti non lo recuperiamo più.

Milano, è morto l'imprenditore Salvatore Ligresti
Da anni non aveva più alcun ruolo operativo nell'azienda. Le sue condizioni si erano aggravate negli ultimi mesi. Nel carcere di San Vittore scontò 4 mesi.

Sodini ha poi rivolto lo sguardo alla partita decisiva di mercoledì: "In casa nostra vogliamo correre, dobbiamo giocare una partita diversa, di consistenza sui 40'. Ora il nostro obbiettivo è portare avanti il più a lungo possibile la serie". Ho sempre detto che in questi playoff eravamo un po' degli intrusi ma non per questo vuol dire che la serie è già finita. In Gara 1 non ci siamo riusciti ma in Gara 2 proveremo a farlo, anche per noi stessi, per la stagione che abbiamo fatto.

La Red October tenterà il tutto per tutto davanti al pubblico amico per allungare la serie.