Sportivo

Ivan Zaytsev lascia la Sir, la lettera a Perugia "Grazie terra mia"

Ivan Zaytsev lascia la Sir, la lettera a Perugia

"Un nuovo viaggio mi aspetta ma vado via sereno del riflesso che vedo nello specchio, leale a me stesso e ai miei principi", si legge nel post pubblicato su Facebook. La stella della nazionale italiana a Modena tornerà a ricoprire il tanto amato ruolo di opposto, abbandonato nelle ultime due stagioni a Perugia dove ha giocato da schiacciatore, o per meglio dire autentico schiacciasassi, coronando il sogno del triplete vincendo campionato, coppa italia e supercoppa italiana.

È finita l'avventura di Ivan Zaytsev a Perugia. È stato un onore essere allenato da te, mi hai capito, mi hai guidato, mi hai ascoltato e mi hai domato. Il giocatore di origine spoletina, sul fronte tifosi, ha scritto di essere "orgoglioso del rapporto che ho costruito con ognuno di voi". Non ha parlato della sua nuova società ma manca solo l'ufficialità sul suo arrivo a Modena (sabato l'annuncio?). Il presidente Gino Sirci, che ha voluto fortemente l'ingaggio di Wilfredo Leon, schiacciatore cubano, nelle scorse ore aveva detto: "Zaytsev o non Zaytsev allestiremo una formazione più che competitiva".

Melania Trump operata d'urgenza al rene per una "patologia benigna". "Sta bene"
La first lady "non vede l'ora di riprendersi pienamente in modo tale da poter continuare il suo lavoro per i bambini ovunque". L'intervento chirurgico al quale e' stata sottoposta la first lady Melania Trump era in "programma da tempo'' ".

Ed invece, proprio come era stato anticipato dai maggiori quotidiani sportivi nazionali, la squadra che è riuscita a concludere "l'operazione Zar" con successo è la società che ultimamente sembrava più in difficoltà dopo alcune scelte poco felici e destabilizzanti: Modena. "Ci sono storie ed emozioni grandi, momenti di pura gioia che valgono ogni goccia di sudore, che ti fanno superare ogni dolore e stanchezza mentale". Grazie Perugia, grazie terra mia. Come questo scudetto: mio, nostro, di tutti quelli che ci hanno creduto.