Finanza

Pos, stop alle sanzioni per chi non accetta i pagamenti con carte

Pos, stop alle sanzioni per chi non accetta i pagamenti con carte

Il presidente dell'Ascom, Patrizio Bertin, saluta con soddisfazione il parere del Consiglio di Stato che elimina, di fatto e di diritto, le sanzioni che, teoricamente, avrebbero dovuto ricadere su commercianti, artigiani e professionisti che non avessero accettato il pagamento tramite Pos.

Le motivazioni erano già state espresse con il precedente parere n. 1104/2018 dello scorso 23 aprile, quando il Consiglio di Stato aveva sospeso il giudizio sullo schema di regolamento in attesa che il MiSE inviasse una relazione programmatica con soluzioni alternative, per superare i profili di incostituzionalità della legge delega.

Dal Consiglio di Stato arriva il parere negativo - n. 1446/2018 del 1 giugno 2018, Adunanza di Sezione del 24 maggio 2018 - sullo schema di Regolamento sulla definizione delle modalità, dei termini e degli importi delle sanzioni amministrative pecuniarie conseguenti alla mancata accettazione dei pagamenti mediante carte di debito e carte di credito.

A questo punto tutto passa nelle mani del nuovo Esecutivo, che dovrà decidere se e come intervenire. Tuttavia, tale obbligo non prevede alcuna sanzione in caso di mancata installazione del Pos o di mancata accettazione del pagamento.

In effetti, dati della Banca d'Italia, nel nostro Paese sono circa 2 milioni e mezzo gli apparecchi per l'accettazione dei pagamenti elettronici, contro i 2 milioni e centomila del Regno Unito, il milione e mezzo della Francia e della Spagna ed il milione e centomila della Germania. La sanzione è fissata con lo schema di decreto Mise/Mef in argomento, che ha abbassato anche la soglia dei pagamenti con Pos da 30 a 5 euro. In pratica, i Pos ci sono ma sono poco utilizzati. Un decimo rispetto all'Olanda e addirittura meno di una singola città come Londra (7mila) o Parigi (6mila).

Bumblebee: il teaser trailer in italiano
Nel cast troviamo la giovane Hailee Steinfeld ( Pitch perfect 3 ) e il wrestler John Cena . Bumblebee uscirà negli USA il 21 dicembre 2018.

La sanzione andrebbe applicata, come prevede lo schema di decreto, anche a chi non accetta la moneta di plastica.

"L'obiettivo di una efficace lotta al riciclaggio, all'evasione e all'elusione fiscale - da incentivare attraverso la completa perimetrazione del quadro giuridico di riferimento, anche mediante la sua omogeneizzazione - deve, però, necessariamente essere conseguito con l'adozione di provvedimenti rispettosi, sotto l'aspetto formale e sostanziale, dei principi fondamentali dell'ordinamento giuridico", spiega nel parere il Consiglio di Stato.

Un taglio "creativo", secondo il Consiglio di Stato, che non trova riferimenti nella norma madre e che ha contribuito dunque alla bocciatura finale. E il richiamo all'articolo 693 è "non condivisibile sul versante strettamente giuridico".

I giudici amministrativi hanno però pensato ad una soluzione: la sanzione va "ricercata all'interno dell'ordinamento giuridico che disciplina le attività commerciali e professionali". Il Consiglio di Stato ha ipotizzato un contrasto con il principio costituzionale secondo cui nessuna prestazione economica può essere imposta se non in base alla legge.

Se in pizzeria o presso il vostro negoziante di fiducia non è ancora possibile pagare con il bancomat non potrete farci nulla, anche se più volte avete letto che sia i professionisti che i commercianti sono obbligati ad accettare pagamenti con POS.